Cagliari, Maran: “A Verona situazione surreale. Siamo in ripresa”

Cagliari, Maran: “A Verona situazione surreale. Siamo in ripresa”

Le parole del tecnico dei sardi

di Redazione ITASportPress

Il Cagliari prova a rompere la maledizione che ha colpito la formazione sarda. Gli isolani non hanno ancora conquistato una vittoria in questo 2020. L’occasione potrebbe presentarsi nel match contro la Roma. Il tecnico Rolando Maran commenta l’avvicinamento a questo match delicato in conferenza stampa: “Dispiace non tanto per il rinvio delle partite, dato che è un provvedimento che viene preso nell’interesse di tutti. Spiace che vengano recuperate tardi, perché non ci sono finestre prima. Noi abbiamo vissuto una situazione surreale: alla vigilia della sfida col Verona siamo andati a letto pensando di giocare una sfida molto importante, poi invece ci siamo ritrovati a decidere cosa fare, senza sapere quando giocare. Sicuramente la situazione di Verona ci ha resi esausti, ma questa settimana abbiamo resettato tutto e siamo pronti a scendere in campo domani con la giusta carica. Sono state ore complicate, perché mancava l’ufficialità della Lega. Sul timore a stare là: è stata una giornata particolare per tutti noi, perché in quelle ore era scoppiata la psicosi a livello nazionale. Ma alla fine ha vinto su tutto la professionalità, da parte di tutti”.

CALO – “Forse in maniera inconscia qualche centimetro per strada lo abbiamo lasciato, ma penso che nelle ultime gare il problema per noi sia stato proprio il contrario. Abbiamo finito l’ultima gara non come avremmo voluto, anche se la volontà dei ragazzi era la solita. Al di là di tutto, sappiamo domani come affrontare la gara: non dobbiamo lasciarci qualcosa dentro e non esprimerlo, perché vedo come lavorano i ragazzi”.

FORMAZIONE – “Nandez o Pereiro? Dobbiamo mantenere un certo equilibrio, anche se Gaston Pereiro ha più le caratteristiche simili a Radja e Joao Pedro. Ma domani serve proprio l’equilibrio. Tutti hanno lavorato bene in queste settimane, anche Paloschi: ho visto tanta volontà di portare il proprio contributo alla squadra, il proprio secchio d’acqua, per così dire”.”.

GIULINI – “Lui ha un amore per questa squadra che dimostra anche con le parole, quindi ben vengano queste sollecitazioni: ha ragione, perché ora abbiamo bisogno soprattutto di sostanza. Questi ragazzi vanno sostenuti, anche se tocca a noi stimolarli. Ci sono tante partite da qui alla fine, dobbiamo essere bravi a uscirne tutti insieme. Dobbiamo esserne convinti. La stima del presidente Giulini e del ds Carli mi riempie di orgoglio, il dispiacere più grande è di non essere riusciti in questo periodo a dare le giuste soddisfazioni a chi lo merita, a partire dalla società e la città. Vogliamo riprendere a vivere bene, come avevamo fatto in precedenza”.

ROMA – “Hanno la loro quadratura, con gli esterni d’attacco che variano molto: subiscono pochissimi tiri, grazie a compattezza e fisicità importanti. Potenziale offensivo notevole, credo che per i valori meriterebbero di stare più avanti”.

CEPPITELLI – “È una situazione incredibile: sembrava aver fatto grossi passi avanti, invece ora siamo di nuovo così. Non essendo un problema muscolare, è anche difficile aiutarlo. Il dolore non passa, quindi non riesce a caricare: è un problema per noi, ma soprattutto per lui, che sta vivendo una situazione devastante”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy