Cagliari, Oliva protagonista a sorpresa: “Ho saputo che avrei giocato solo la mattina. Gol? Devo una cena a Simeone…”

Cagliari, Oliva protagonista a sorpresa: “Ho saputo che avrei giocato solo la mattina. Gol? Devo una cena a Simeone…”

Il centrocampista a segno nel 2-0 esterno sull’Atalanta

di Redazione ITASportPress

Giornata indimenticabile quella appena trascorsa per il Cagliari. Vittoria sull’Atalanta e quarto posto in classifica in compagnia proprio della Dea e della Lazio. Un momento d’oro per i sardi e anche per Christian Oliva, centrocampista che alla sua quinta presenza in campionato ha ripagato la fiducia concessagli dal tecnico Maran con la rete del raddoppio che ha permesso ai rossoblù di chiudere il match.

Come riporta il sito ufficiale rossoblù, il classe 1996 ha parlato della gioia della rete e non solo: “Sono felice, sia per il gol che per il risultato ottenuto dalla squadra. Giocavamo sul campo di un grande avversario come l’Atalanta che fa la Champions e che sin qui aveva fatto benissimo. Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra. Dobbiamo continuare così, partita dopo partita; godiamoci la vittoria, poi inizieremo a concentrarci sul prossimo incontro”.

RETROSCENA E GOL –  Curioso il racconto di Oliva sul momento in cui ha saputo che avrebbe giocato titolare: “Ho saputo solo di mattina che sarei sceso in campo dall’inizio – la gara iniziava alle 12,30 -. Il mister mi ha detto di giocare tranquillo e con fiducia. Naturalmente per me è importante trovare spazio, però quel che conta davvero è continuare a lavorare ogni giorno in allenamento”. E sull’azione del gol: “Ho ricevuto palla da Cacciatore, sono andato in profondità. Ho visto Simeone allargarsi, l’ho trovato con un tocco in verticale. Giovanni ha rimesso la palla al centro, sono arrivato in corsa e ho tirato di prima intenzione. A Giovanni devo una cena per l’assist, ma la faremo con tutti”. Infine un sogno: “Nazionale uruguaiana? È un sogno che spero di realizzare, ma so che per arrivarci devo prima fare bene col Cagliari. Devo lavorare duro per meritarmi la convocazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy