Cagliari, Pisacane: “Sapevo avremmo potuto far bene. La Nazionale? Sarei l’uomo più felice del mondo…”

Il difensore ha parlato a Sky Sport

di Redazione ITASportPress

E’ un Cagliari che fa  sognare. I sardi, attualmente, occupano la terza posizione in classifica insieme alla Lazio, con un rendimento al di sopra di ogni più rosea aspettativa. Del momento dei rossoblu, ai microfoni di Sky Sport, ha parlato il difensore Fabio Pisacane.

ENTUSIASMO – “Il nostro segreto? Innanzitutto l’entusiamo. Mi aspettavo che potessimo fare cose importanti, anche perché la società ha allestito un’ottima squadra: ha preso giocatori che, solamente fino a dieci giorni prima, sembravano fantacalcio”.

NANDEZ – “Io ero un suo tifoso, soprattutto l’anno scorso: insieme a Castro, Srna, Rafael e Joao Pedro sono andato a vedere la finale di Copa Libertadores a Madrid. La passione per il Boca? Da tifoso napoletano non ho vissuto un’era entusiasmante. Quando sentii parlare del Boca comprai un cd e mi avvicinai a quella realtà, con quei tifosi e quello stadio eccezionale. Poi ho scoperto che Batistuta e Maradona erano partiti da lì: è nata una passione così forte che ho deciso di tatuarmi lo stemma”.

NAZIONALE – “La chiamata deve arrivare per meriti sul campo e non per le mie qualità morali. Se dovesse arrivare, sarei l’uomo più felice del mondo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy