ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

IL PARERE

Capello punge Allegri: “Lo ammiro, ma Juventus assente per un’ora…”

Capello, getty images

Il commento del tecnico al derby d'Italia e alla giornata di Serie A

Redazione ITASportPress

Fabio Capello non perdona la Juventus dopo la prestazione messa in campo a San Siro contro l'Inter. Nonostante il pareggio finale, l'ex mister ha avuto da ridire a proposito della gara dei bianconeri e dell'assenza di gioco soprattutto nel primo tempo e l'inizio della ripresa.

Intervenuto negli studi di Sky, nel corso di Sky Calcio Club, Capello ha detto: "Sono un ammiratore di Allegri, ma questa gara non mi ha convinto. La Juve per 65 minuti non ha giocato, poi con le sostituzioni ha cambiato la squadra e ha iniziato a giocare. Poi Chiesa tenuto sulla destra, lontano dalla porta, mentre stai perdendo… Come insegna Mourinho, quando stai perdendo devi prenderti dei rischi. Neanche Cuadrado mi sta piacendo particolarmente, forse ha qualche problema".

Poi sul rigore fischiato a favore della Juventus e sulle espulsioni dei tecnici in questa giornata (Gasperini, Spalletti, Mourinho e Inzaghi): "Parafrasando Boskov 'è rigore quando l’arbitro, richiamato dal Var, fischia'. Non è possibile vedere quattro allenatori espulsi in una giornata, è l’unico posto al mondo in cui succede. Evidentemente qualcosa si è rotto nel rapporto tra allenatori e arbitri. Fischiando costantemente trasmettono ansia, interrompono troppo il gioco".

Sullu scudetto: "Lotta a due? No, è ancora troppo presto. Poi abbiamo visto che le squadre impegnate in coppa possono pagare qualcosa. L’Inter io la vedo più che mai in corsa per lo scudetto. Il Napoli comunque resta secondo me la squadra più pericolosa".

 (Getty Images)
tutte le notizie di