D’Aversa lascia il Parma: “Per sempre grato, ma è solo un arrivederci”

Il tecnico saluta il suo ex club e la città emiliana

di Redazione ITASportPress
d'aversa 1

Per Roberto D’Aversa è giunto il momento di salutare Parma e il Parma. Per quattro anni la città emiliana è stata la sua casa e il club gialloblu la squadra da guidare sul campo. Con i crociati l’allenatore ha conquistato una promozione in Serie A e due salvezze consecutive. L’allenatore è stato destituito dal suo incarico e si prepara a passare al Genoa, dove ritroverà il ds Daniele Faggiano.

D’Aversa e Liverani, Getty images

LETTERA

D’Aversa ha voluto comunque dedicare il suo pensiero agli ex tifosi: “Arrivederci Parma, dopo quattro anni di successi, di lotte, di vittorie, sorrisi e traguardi raggiunti, è arrivato il momento di salutarci. Abbiamo vissuto insieme un’esperienza grandiosa, abbiamo assaporato il gusto dell’impresa, grazie al lavoro e al sacrificio di tutti abbiamo raggiunto risultati impensabili. Resi possibili grazie all’appoggio incondizionato di una proprietà fatta di uomini, tifosi del Parma, appassionati e uniti: come una famiglia. E di questa famiglia sono stato parte anche io, che insieme a loro sono cresciuto come uomo e come allenatore: il Parma mi ha dato fiducia e mi ha permesso di lavorare in serenità, accanto a gente per bene. Ringrazio la famiglia Pizzarotti, Guido Barilla, Marco Ferrari, Giacomo Malmesi, l’ingegner Dallara, Angelo Gandolfi e Mauro Del Rio. Ci siamo accompagnati nella storia, con loro in sella i tifosi possono vivere tranquilli. Sono in buone mani. Un grazie particolare va anche ai miei giocatori, tutti quelli che ho allenato in questa splendida cavalcata. Come dico sempre: in campo ci vanno loro e se abbiamo vinto il merito è dei ragazzi. È stato un piacere condividere questo percorso anche con loro, ognuno dei quali mi ha dato tantissimo. Io sono un allenatore esigente, pretendo molto da me stesso e da chi mi sta accanto. Per questo devo ringraziare tutti i componenti della società: dai magazzinieri, indispensabili, ai segretari, dall’ufficio stampa, allo staff medico, dai dirigenti, dall’amministratore delegato Luca Carra, al Chief Operating Officer Stefano Perrone e tutti i dipendenti della sede. Ho combattuto fianco a fianco con Daniele Faggiano, un fine intenditore di calcio, un direttore sempre pronto per una parola di conforto. Un appoggio sicuro. Io e il mio staff – prezioso per me – abbiamo raggiunto risultati importanti grazie all’appoggio di tutti: fondamentale in questi anni è stata la figura di Alessio Cracolici, un team manager sempre presente. Il mio saluto va anche a una bandiera di questa società, che ho avuto la fortuna di conoscere in due versioni: quella di giocatore e quella di club manager. Alessandro Lucarelli è stato un riferimento. Impossibile dimenticare gli splendidi tifosi del Parma, ai quali va il mio più grande abbraccio. Il loro calore ci ha sempre scaldato, anche quando le cose non sono andate benissimo. Non è mai mancato il loro supporto. A chi ci ha applaudito, sostenuto, fischiato e criticato, soprattutto a questi ultimi, va il mio grazie. Senza la loro spinta, il loro stimolo a fare meglio, saremmo andati poco lontano. Arrivederci, Parma. Ti sarò per sempre grato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy