ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

IL PUNTO DI VISTA

Ex Roma Tetradze: “Miranchuk lasci l’Atalanta. Kokorin? Se legato ai soldi resti a Firenze”

Ex Roma Tetradze: “Miranchuk lasci l’Atalanta. Kokorin? Se legato ai soldi resti a Firenze”

I due calciatori russi non trovano spazio in Serie A e il connazionale Tetradze consiglia di andare via

Redazione ITASportPress

L'ex calciatore della Roma e della nazionale russa Omari Tetradze ha espresso la sua opinione sulle prestazioni dei connazionali Aleksej Miranchuk e Alexander Kokorin che giocano rispettivamente con Atalanta e Fiorentina.

MIRANCHUK - Sul calciatore della squadra bergamasca che non trova spazio, questo il pensiero dell'ex giallorosso: "E' molto strano per me che il miglior calciatore della Russia non riesca a giocare più di 5 o 10 minuti in Serie A. Una idea ce l'ho: tra il nostro calcio e quello italiano di diverso c'è la velocità e la cultura del lavoro. Se sei il migliore nel nostro campionato, in Europa non sarà lo stesso. Quando giocavo con la Roma svolgevamo allenamenti intensi dai 70 ai 90 minuti e dovevamo dare il massimo. Se non riuscivi a sopportare il carico imposto dal tecnico non giocavi. Fino a quando noi qui in Russia non torneremo al sistema sovietico del processo di formazione e allenamento, non avremo successo, rimarremo indietro rispetto all'Europa. A Miranchuk consiglierei di andare via a gennaio in un'altra squadra italiana e poi in estate tornare a Bergamo".

 Miranchuk (getty images)

KOKORIN - Su Kokorin, Tetradze è stato duro: "Penso che debba tornare in Russia, dimostrare le sue qualità qui e poi, tornare alla Fiorentina. Se ha giocato 27 minuti in questa stagione, che senso ha restare lì? Meglio essere capo villaggio che l'ultima persona di una città. Per me dovrebbe tornare in Russia e ricominciare da zero. L'età non conta nulla se ti alleni con costanza e serietà come fa Cristiano Ronaldo". Kokorin ha un contratto con la Fiorentina fino al 2024 e uno stipendio di 1,8 milioni di euro l'anno e per Tetradze la strada da seguire è solo una:  "Se vuole giocare a calcio e progredire torni in Russia, se vuole restare in Italia solo per il suo stipendio resti a Firenze. Personalmente non considero professionisti i calciatori interessati solo ai soldi. Il calcio dovrebbe venire prima, ma se non giochi e non meriti un posto in rosa, allora di che soldi possiamo parlare? - ammette Tetradze a RB Sport.

 Kokorin, getty images

 

tutte le notizie di