ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

CARICO

Genoa, Hefti: “Siamo ancora vivi e daremo tutto per la salvezza”

Genoa Hefti (getty images)

La grinta del difensore in vista del finale di stagione

Redazione ITASportPress

Lunga intervista esclusiva a TMW per il difensore del Genoa Silvan Hefti. Arrivato nella sessione invernale di calciomercato per dare una mano al Grifone, il calciatore si è quasi subito integrato nei piani e negli schemi tattici di mister Blessin. Il classe 1997 ha parlato della voglia di provare a salvare la squadra in questa stagione ma anche delle sue sensazioni con l'ambiente e con il calcio italiano.

A GENOVA - "Sono arrivato e tre giorni dopo ho disputato la mia prima partita. In questo momento la situazione non delle più facili ma sono stato accolto molto bene dal gruppo, dai tifosi e dalla società. Nelle ultime settimane stiamo lavorando duramente. Sfortunatamente non sono arrivate vittorie ma stiamo migliorando", ha detto Hefti. "La trattativa col Genoa? Attorno a Natale mi ha contattato il mio procuratore. Mi ha detto di questa possibilità. Fin da subito ho avuto delle ottime impressioni, ho parlato con Spors ed è stato un ottimo colloquio. E' stato tutto molto veloce". Sulla città: "E' una bellissima città con un clima ottimo specie adesso che ci avviciniamo alla primavera. Spero di raggiungere buoni risultati in campo per poi poter vivere Genova di più".

SQUADRA - Sul gruppo rossoblù, la salvezza e il mister: "Nelle ultime settimane ci stiamo conoscendo sempre di più in campo. Siamo un ottimo gruppo, abbiamo fatto delle ottime partite specialmente contro l'Empoli. L'unica cosa da fare è continuare a lavorare insieme perchè siamo consapevoli della situazione, rimangono solo dieci partite e dobbiamo affrontarle da squadra". "Se crediamo alla salvezza? Sappiamo tutti della nostra situazione e sappiamo che c'è solo una strada da percorrere. Non ci sono alternative. Daremo tutto, crediamo nella squadra, abbiamo giocato buone gare. Con l'Empoli siamo andati vicini alla vittoria ma il gruppo è vivo". Sul tecnico Blessin: "Pratica un calcio diverso. Più ritmo, più pressione alta. Ci chiede sempre molta concentrazione. Mi piace questo stile di calcio".

SERIE A - Sulle differenze tra il calcio svizzero e quello italiano: "Il livello è più alto in Italia ma lo sapevo già quando ho affrontato l'Atalanta in Champions League, abbiamo fatto un'ottima partita con la maglia dello Young Boys. In Svizzera ci sono top club come Young Boys, Basilea o anche lo Zurigo ma poi c'è più differenza (con gli altri club ndr). In Serie A invece in ogni squadra ci sono buone qualità, buone squadre. Tutte le squadre possono fare qualcosa di importante contro chiunque anche se ci sono grandi squadre in Italia". Sul prossimo impegno contro l'Atalanta: "Li ho già affrontati due volte, come detto, con lo Young Boys e in questa settimana abbiamo visto molti video dell'Atalanta. Sono rimasto molto colpito dal modo di giocare nerazzurro, non propriamente italiano. E' uno stile di calcio vincente, non sarà facile ma il nostro obiettivo è prepararci bene in settimana per essere pronti domenica e penso che dobbiamo sfruttare le nostre occasioni e giocare al meglio".

OBIETTIVI - "I miei obiettivi al Genoa? Di squadra ovviamente restare in Serie A. Come obiettivi personali, crescere e continuare così. Sono felice di aver giocato tante partite in A. Il primo obiettivo è crescere come difensore e il secondo è magari migliorare come gol o assist, come ho fatto in Svizzera, per aiutare la squadra". Infine sui tifosi: "Nella prima gara che ho giocato in casa ho potuto vedere i nostri tifosi dal vivo. Sono molto caldi, vicini alla squadra. Sono un'ottima motivazione per noi in campo. E' un onore giocare in un club con un pubblico così".

 Genoa Hefti (getty images)

Genoa Hefti (getty images)

tutte le notizie di