Genoa, il segreto di Sanabria: “Uomo e giocatore diverso dopo la nascita di mia figlia…”

Genoa, il segreto di Sanabria: “Uomo e giocatore diverso dopo la nascita di mia figlia…”

L’attaccante rinato in casa Grifone

di Redazione ITASportPress

Antonio Sanabria è rinato col Genoa merito di mister Davide Nicola e di sua figlia. Lo ha ammesso lo stesso attaccante del Grifone ai microfoni de Il Secolo XIX. Intervistato in questo momento di emergenza a causa del coronavirus, il centravanti classe 1996 ha raccontato come trascorre le giornate dando uno sguardo al futuro e quello che potrebbe essere il ritorno in campo.

ISOLAMENTO – “Qui a casa va tutto bene! La cosa che mi manca di più è la routine, la normalità di svegliarmi e andare a fare allenamento tutte le mattine con la squadra”, ha detto Sanabria. “Sto facendo quello che posso per allenarmi a casa e mantenermi nella miglior forma possibile. E poi ne approfitto per cucinare con mia moglie e stare con mia figlia. Film, Playstation e giochiamo a parchìs, un gioco da tavolo spagnolo”.

RINASCITA – Ed è proprio la famiglia, ed in questo caso la sua primogenita Arianna ad avergli cambiato la vita, compresa quella calcistica: “Arianna mi ha cambiato la vita. Già nei mesi precedenti sognavo sempre il momento di tenere in braccio mia figlia. E ora che ho più tempo per stare con la famiglia ne approfitto al massimo”. Una novità positiva nella vita privata che ha portato dei miglioramenti anche sul campo di calcio: “L’anno scorso quando sono arrivato stavamo andando bene poi siamo scivolati indietro in classifica. Adesso, con l’arrivo di Nicola siamo più squadra e siamo più sicuri di noi stessi: il mister ci ha fatto capire che quello che conta è pensare alla prestazione e i risultati arrivano di conseguenza, col lavoro”. E a livello personale: “Per me c’è un prima e un dopo da quando è arrivato mister Nicola. Sicuramente mi sento diverso, soprattutto per il fatto che il mister mi dà la fiducia di cui ho sempre avuto bisogno ma che prima non avevo avuto dagli altri allenatori. Il mio atteggiamente, però, è rimasto sempre lo stesso: lavoro e mi allenamo al meglio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy