Serie A

Genoa, Shevchenko: “Possiamo tornare grandi in Italia ma prima la salvezza”

foto Genoa Calcio

Conferenza stampa del nuovo allenatore del Genoa

Redazione ITASportPress

Presentazione alla stampa questo pomeriggio del nuovo allenatore del GenoaAndriy Shevchenko accompagnato da Josh Wander di 777Partners. Queste le prime parole del tecnico ucraino: "Ringrazio la proprietà che mi ha fatto tornare in Italia. Per me questo è un momento molto importante della mia carriera di allenatore. Spero di rimanere per molto tempo qui perchè il Genoa è un club importante. Questo è un progetto a cui tengo tanto e l'obiettivo numero uno per noi è giocare in Serie A il prossimo anno e l'unica via che conosco è lavorare. Io farò di tutto dando il massimo di me stesso per raggiungere questo risultato". Sul progetto rossoblù la risposta di Shevchenko: "Ho accettato subito perchè credo che il Genoa in futuro può fare grande cose in Italia".

TIFOSI - Shevchenko chiama a raccolta i tifosi per risollevare la squadra: "Sicuramente abbiamo bisogno dei tifosi. Io ho giocato una volta a Genova ed è stata una partita difficilissima. Ricordo benissimo che giocavo contro 12 giocatori perchè il dodicesimo uomo del Genoa erano i tifosi. Io spero di avere loro perchè abbiamo bisogno tanto di un supporto. La squadra ha bisogno di essere rinforzata e come obiettivi di giocare l'anno prossimo in A penso che noi dovremo lavorare bene sul mercato". Sulla squadra attuale il tecnico ucraino ha detto: "I ragazzi sono bravissimi e disponibili. Penso che il primo obiettivo è raggiungere una posizione in classifica dove possiamo respirare bene e lavorare bene. Così riesci ad esprimere meglio le tue idee con tranquillità. Dobbiamo sforzarci a raggiungere un posto in classifica dove possiamo fare questo. Parlando con i giocatori ho sentito una voglia di migliorare le cose. Penso che, avendo grande voglia e una giusta struttura in campo, possiamo migliorare le cose". Obbiettivo? Siamo anche in Coppa Italia ma l'obiettivo è la salvezza".

ALLENATORE - Shevchenko ha detto anche a quale allenatore si ispira: "L'Italia è un Paese importante dal punto di vista calcistico. La scuola italiana è importante. Per me lavorare con allenatori come Ancelotti, Zaccheroni e Cesare Maldini è stata una grande esperienza. La mia Ucraina sia stata una squadra equilibrata che sapeva soffrire e giocava anche un buon calcio. Venire ad allenare in Italia vuol dire entrare nel mondo del calcio italiano per poter sfidare i grandi tecnici che lavorano adesso in Italia. E' una sfida stimolante per me. Il Genoa storicamente è stata molto aggressiva, specialmente in casa. Cercherò di bilanciare la squadra al valore. Dobbiamo avere un perfetto equilibrio e capire le nostre esigenze, di quello che la squadra ha bisogno. Adesso avremo un periodo di allenamenti poi entreremo in una fase di partite molto difficili e importanti. Dobbiamo essere pronti e conterà molto l'aspetto mentale. Dobbiamo credere di più e in questo aspetto il pubblico".

 

 

tutte le notizie di