Hamsik: “Non ho alcun dubbio. Da Napoli sicuramente non me ne andrò”

Lo slovacco ha dichiarato amore eterno alla squadra partenopea

di Redazione ITASportPress

A Napoli ormai Marek Hamsik è diventato il calciatore simbolo. Ma anche in Slovacchia è amato dai suoi tifosi che lo  hanno votato Hamsik come miglior calciatore degli ultimi quindici anni. A riportarlo è la Pravda, che ha intervistato il capitano azzurro. “È un enorme tributo. So che i fan potevano scegliere tra una lista di giocatori davvero grandi, sia ex che attuali -riporta Tuttonapoli.net-. Il calcio si gioca per gli spettatori e se lo apprezzano è probabilmente il massimo che un calciatore possa desiderare”.

Hai votato anche tu, a chi è andato il tuo voto? “Non è stato facile, ma alla fine ho scelto Škrtel che conosco meglio, ci siamo incontrati spesso in Nazionale”

Record di Maradona? “Molto è stato scritto a riguardo e tutti si stanno preparando per questo momento. Quando è arrivato, è stato bellissimo. Lo stesso vale quando ho fatto un 116esimo gol nel match con la Sampdoria. Quando i 60 mila spettatori stanno in piedi e gridano il mio nome stadio San Paolo, mi sono venuti i brividi alla schiena. È qualcosa di irripetibile, lo ricorderò per il resto della mia vita”.

Vivi a Castel Volturno, ma puoi sportarti tranquillamente al centro? “Lì trovo difficile spostarmi, così è stato e lo sarà. Questo non è legato al record, però”.

Attraverso i social network hai parlato con Maradona. L’hai incontrato personalmente dopo il record? “Non ancora, non era il momento. Ma credo che accadrà e potrò passare del tempo con lui. Si è congratulato per il record, sono molto contento, lo apprezzo”.

Il record del 2018 sarà il numero di presenze con Napoli e Nazionale? “Queste sono tutte sfide che mi motivano. I record devono essere interrotti prima o poi, quindi è sempre così. Sono contento se riuscirò a raggiungerli, ma so che prima o poi ci sarà qualcuno dopo di me”.

Futuro al Napoli? “Non ho alcun dubbio. Da Napoli sicuramente non me ne andrò. Dopo il calcio? Non posso dire cosa accadrà tra un anno o due. Ora mi sto concentrando per ottenere finalmente lo scudetto a Napoli. Questo è il mio obiettivo principale”.

La primavera sarà lunga e impegnativa... “Certo, sono d’accordo. Abbiamo avuto una primavera importante l’anno scorso. Avere una sola partita da giocare nella settimana è una grande occasione. Credo che terremo questa tendenza e celebreremo lo scudetto”.

In autunno hai avuto periodi difficili, ma la fine dell’anno è stata eccellente.“Per fortuna ne sono uscito. Ho battuto il record, ho iniziato a fare gol. Ora devo continuare così fino a fine anno”.

L’Inter ha perso un po’ di terreno. “È importante che inizi ad esserci distacco con le altre. Non ci sono più squadre vicine nelle prime cinque posizioni, siamo davanti noi e la Juventus”.

Riuscirere a rompere il dominio della Juventus? “Lo spero. La Juventus è indubbiamente la nostra avversaria più dura, ma dobbiamo stare attenti anche alle altre. Ci sono ancora molti punti in gioco”.

Hai fatto una breve vacanza per tornare in Slovacchia. Che cosa hai fatto? “Abbiamo avuto solo sei giorni liberi, mi sono allenato a Napoli da sabato scorso. Mi ha fatto piacere rivedere la mia famiglia, ho visitato i miei amici, non ero con loro da molto tempo. Ho passato del tempo a Banská Bystrica e Donovaly”.

Domenica c’è l’Atalanta. “Giochiamo nel loro stadio. Partita pesante, molto difficile, non riusciamo a spuntarla contro questo avversario. Nell’ultimo anno, ci ha battuto due volte e fatto abbandonare la Coppa Italia all’inizio di quest’anno. Una buona partenza non sarebbe male. Dopo la pausa, questa gara potrebbe influire sulla stagione”.

Negli ultimi giorni, sei stato influenzato, ci sarai? “La gola mi fa male. Mi sono perso l’allenamento di martedì, vedremo come andrà in questi giorni. Non lo so ancora se ci sarò nella partita di domenica”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy