Ibrahimovic: “L’età non conta. Numero di maglia? Con il 21 non ero il vero Ibra”

Lo svedese si carica in vista della prossima stagione

di Redazione ITASportPress

Il Re non cambia. Anzi, rilancia la sfida. Zlatan Ibrahimovic ha deciso di continuare la sua avventura con il Milan. Lo svedese ha contribuito a rilanciare i rossoneri dopo un periodo di crisi. La squadra milanese si è qualificata ai preliminari di Europa League e vuole confermare lo straordinario trend post lockdown. Da quando si è tornati a giocare, il Diavolo rossonero non ha mai perso.

Ibrahimovic
Ibrahimovic (getty images)

NUOVO IBRA

Ibrahimovic è già carico in vista della prossima stagione. Lo svedese si è raccontato alla TV ufficiale del club milanese: “Mi sono sempre sentito parte del Milan anche quando ho giocato con altre squadre perché mi ha sempre trattato bene dal primo giorno. Quando sono arrivato la prima volta al Milan ho sorriso, una cosa mai fatta prima nel mio lavoro. Mi sento a casa e non sento che sono stato via. Ho scelto la maglia numero 11 perché i tifosi del Milan mi conoscono con questo numero. Con il numero 21 non mi sentivo l’Ibrahimovic del primo Milan, quindi ho chiesto questo numero per sentirmi come prima. Voglio ringraziare la società e il mister per la fiducia che mi danno. Hanno fatto di tutto per tenermi nel Milan. Negli ultimi 6 mesi ho dimostrato che l’età non conta nulla. In vacanza ho parlato tanto con la società e ho visto il mio futuro nel Milan. Penso solo al calcio e ad aiutare la squadra per soddisfare i tifosi. Il Milan deve continuare come ha finito la stagione, deve lavorare e credere come abbiamo fatto nell’ultimo periodo. Giocare con orgoglio e fiducia ricordandosi che quando ci si mette la maglia del Milan è un grande privilegio ma al tempo stesso fonte di pressioni. Tutta la squadra ha fatto bene e ha capito cosa serve per arrivare in alto. Ora dobbiamo lavorare bene dal primo o giorno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy