Inter, Conte: “I valori emergeranno col tempo, la Juve è un esempio”

Inter, Conte: “I valori emergeranno col tempo, la Juve è un esempio”

Le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa

di Redazione ITASportPress

L’Inter si carica in vista della supersfida contro la Juventus. Il tecnico dei nerazzurri Antonio Conte suona la carica in conferenza stampa: “Si affrontano due squadre che sono in testa e che hanno fatto meglio delle altre. Siamo però solo alla settima di A, tutti i valori verranno fuori più avanti. Il tempo dirà quali sono le nostre ambizioni. Serve coraggio. La Juve ha dettato legge negli ultimi otto anni in Italia che ha fatto bene in Europa, costruita nel tempo. Grande merito a chi ci ha lavorato per farla diventare una vera corazzata. Sono un esempio. Mi auguro nel prossimo di poter contare su più giocatori, per ripartire meglio le forze. Il nostro campionato gira intorno a questo, nella gestione delle energie, affinché certi giocatori non siano costretti a giocarle tutte. E’ importante per l’Inter. Qualcuno era in ritardo, ma siamo solo all’inizio e il serbatoio è pieno. Noi dipenderemo molto dalla nostra crescita dei singoli, ma anche del collettivo. Ci sono giocatori che possono diventare top player. Queste sono partite che danno energie per entrambi. Arriviamo con la giusta convinzione ed entusiasmo, anche dopo una sconfitta contro un grande avversario in Champions

BARCELLONA – “Ogni partita è importante, continuo a ripetere che ogni gara è uno step. Quando perdi a Barcellona deve esserlo, per capire dove si può migliorare. Per raggiungere certi livelli dobbiamo ancora fare strada. Abbiamo radicalmente cambiato rispetto agli anni passati. Tanti parlano degli acquisti fatti, ma sono partiti elementi che venivano considerati basilari. Ci sono tanti giocatori dalla poca esperienza per giocare a certi livelli. Sarà importante la crescita di ognuno di questi, stanno migliorando ma bisogna crescere dal punto di vista della mentalità, del fisico, dell’autostima. Noi stiamo lavorando in maniera importante, giorno e notte, e non posso che ringraziare questi ragazzi per disponibilità dimostrata. Negli anni si capisce dove è giusto andare, crescere, migliorare. Quando parlate di vedere anche solo l’1% di possibilità di poter vincere, bisogna considerare anche il lavoro, la crescita necessaria per poterlo fare. Quando ho parlato con i direttori e il presidente, ho intravisto certe situazioni, ma tra il dire e il fare c’è tanto. Si abusa troppo di questa parola: vincere. Pochi sanno cosa c’è dietro, quanto lavoro c’è, cosa comporta vincere. Devo cercare di trasferire questi concetti, io il primo che cerca di migliorare”

ARBITRI – “Non ho assolutamente il timore di un arbitraggio pilotato, non confondiamo. Sono stato il primo a dire che le decisioni prese dall’arbitro non dovevano essere un alibi per nessuno. Ho manifestato un malumore, ma state lontani anni luce se pensate che parlerò di questo usandolo come attenuante. Costruiremo qualcosa di più positivo per il quale quelle partite, in futuro, non si perdano più. Alla fine vince sempre il migliore”

STELLA – “Dispiace che Agnelli sia intervenuto contro la proposta di alcuni tifosi di togliere la mia stella dallo Stadium. Ha dato importanza a una proposta becera, volgare e priva di valori. Spazio all’ignoranza. Non devo toccare questo argomento, ho detto che la colpa è vostra che lasciate margine a situazioni che non danno alcun insegnamento. Aizzate l’odio e la violenza. Non ringrazio proprio nessuno”

SARRI – “Penso che la Juventus abbia una propria idea, ha vinto cinque partite e pareggiata una, in Champions una vittoria e un pari, ha una sua fisionomia, ha abitudine, ha giocatori che sanno solo vincere, ha tutto. Parliamo di una squadra fatta che ogni anno aggiunge e non sostituisce. Ogni anno è andata sempre più su, gli altri il percorso inverso. Si è creato un gap, noi abbiamo iniziato un percorso per ridurlo”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy