Inter, Conte: “In Italia conta solo il risultato. Non abbiamo paura della Lazio”

Le parole del tecnico nerazzurro

di Redazione ITASportPress

L’Inter si prepara al big match della terza giornata di campionato. I nerazzurri vanno in trasferta all’Olimpico di Roma, dove sfideranno la Lazio. Il tecnico Antonio Conte analizza l’avvicinamento a questa sfida: “L’anno scorso abbiamo perso quattro partite di cui una all’Olimpico contro di loro. E’ un impegno duro, importante contro un’ottima squadra. Vogliamo uscire con un risultato migliore. Le partite vanno giocate e testate di volta in volta, la gara contro la Lazio è un match impegnativo. Credo comunque che ogni gara presenti delle insidie. Domani affrontiamo un tipo di partita nella partita stessa. La Lazio è un’ottima squadra che l’anno scorso ha provato a vincere lo scudetto. Non dobbiamo snaturarci. Siamo tutti curiosi di vedere che tipo di risposte possiamo dare in questi match ad alto indice di difficoltà, stiamo lavorando bene su determinate situazioni, cercando sempre di fare del nostro meglio. Penso che le grandi squadre necessitano di continuità quando si parla di fisionomia. Mai paura per l’avversario, rispetto sì. Si prendono anche dei rischi con una certa proposta di gioco, ma l’idea di calcio va mantenuta a prescindere dall’avversario, anche dovessero esserci battute a vuoto”.

HAKIMI

Poi Conte si sofferma su Achraf Hakimi, innesto che ha mostrato subito un rendimento straordinario: “Ha caratteristiche offensive specifiche. In questo sistema uno come lui permette di essere più pericoloso. Puoi pagare dazio a livello difensivo, ma stiamo lavorando con Achraf per renderlo completo e moderno, disposto a lavorare anche in fase difensiva. Sono comunque contento anche di Young e Perisic. Stiamo lavorando per cercare di trovare sempre il giusto equilibrio. Continuiamo a creare delle situazioni offensive, ma occorre equilibrio per evitare di prendere delle ripartenze e farci trovare impreparati. Mettiamo anche in contro la bravura dell’avversario. Meglio un 5-4 che uno 0-0”.

GIUDIZI

Infine un commento sulle valutazioni fatte sul gioco dell’Inter: “In Italia si giudica tanto sul risultato finale, non si va molto a vedere il resto delle cose sul piano tattico come avviene ad esempio in Spagna. C’è anche lo spettacolo, l’organizzazione, la tattica. Noi crediamo comunque nel nostro lavoro, i risultati negativi possono capitare, ma fanno parte del gioco e dobbiamo essere bravi a non farci condizionare dalle opinioni esterne. La vittoria passa anche dalla bellezza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy