ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

QUESTIONE STADIO

Inter e Milan, addio San Siro: ipotesi “trasloco” a Sesto San Giovanni. Sindaco Sala replica sui social

Stadio San Siro (getty images)

Possibili novità per i club di Milano

Redazione ITASportPress

Potrebbero esserci novità per quanto riguarda il nuovo stadio di Inter e Milan. La troppa burocrazia che sta rallentando il progetto per il nuovo San Siro accanto all'attuale impianto potrebbe portare i due club alla triste decisione di abbandonare tale strada traslocando nel comune di Sesto San Giovanni.

Da quanto si apprende da La Gazzetta dello Sport, che riporta anche in prima pagina la notizia, le lungaggini burocratiche sembrano aver disilluso le due società, per nulla disposte a spendere altri milioni in studi di fattibilità che non assicurerebbero certezze. In tal senso, lo scenario che si profila è quello in cui Inter e Milan potrebbero optare per il trasloco nel comune di Sesto San Giovanni, nell'area dove un tempo sorgevano le acciaierie Falck. Al momento non si registrano contatti col sindaco, ma questa possibilità è da tenere in considerazione. Per il Comune di Milano si tratterebbe di un duro colpo con il 'Meazza' che resterebbe dunque vuoto e non riqualificato.

Dopo la notizia riportata dalla rosea, il sindaco di Milano Sala ha voluto rispondere via social: "Le squadre una settimana fa mi hanno confermato che stanno predisponendo il dossier per il dibattito pubblico. Una settimana fa, non sei mesi fa. E dalla ricezione di questa lettera non succede più nulla. Oggi la Gazzetta dello Sport esce con questo scoop sull’intenzione di Inter e Milan di costruire il nuovo stadio altrove. Delle due l’una. O la Gazzetta è solo alla ricerca del “titolo”, oppure le squadre a me dicono una cosa (anzi la scrivono) e ad altri danno una versione diversa. Avendo tra le mani un atto ufficiale voglio pensare di più alla prima ipotesi. In ogni caso vorrei però dire a tutti che in questo difficile momento storico l’Amministrazione Comunale ha anche molto altro a cui pensare".

tutte le notizie di