JUVENTUS, Allegri: “Il record di vittorie non ci interessa. Il colpo last minute è…”

JUVENTUS, Allegri: “Il record di vittorie non ci interessa. Il colpo last minute è…”

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, interviene in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Chievo Verona al Bentegodi.

di Marco Carmanello, @MarcoCarmanello

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, interviene in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Chievo Verona al Bentegodi. Ecco le sue dichiarazioni:

Se vincete, arriverete a 12 successi di fila. Eguaglierete il record di Conte.
“Per vincere lo scudetto non basta fare 12 vittorie di fila perché da qui alla fine mancano 17 gare. Se poi nelle ultime gare non riesci a fare punti, non serve a nulla. Quindi non ci interessa quel record. Dovremo stare attenti al Chievo Verona perché è una squadra che corre molto e pressa. Poi, domani si gioca alle 12.30: bisogna svegliarsi subito ed essere pronti”.

Riposerà qualcuno tra Bonucci e Chiellini?
“Bonucci gioca, per Chiellini deciderò domani. Rugani sta bene e anche Barzagli e Careces stanno abbastanza bene. Abbiamo perso Mandzukic e Asamoah, tanto mi farete una domanda su di loro. Così vi anticipo io. Speriamo di avere Mandzukic per la prima gara contro il Bayern Monaco”.

Si aspetta qualcosa nel mercato in mezzo al campo?
Il colpo last minute è Pereira. E’ convocato, quindi rientra. L’anno scorso lui ha fatto benissimo anche come interno di centrocampo. Ed è molto offensivo”.

Che gara si aspetta?
“C’è molta competizione nel gruppo e vogliono giocare tutti. Non possiamo avere distrazioni, anche perché siamo secondi. Domani, giocando prima del Napoli, avremo la possibilità di essere in testa al campionato. Bisogna vincere senza pensare alle altre 11 vittorie consecutive”.

Se qualcuno sottovaluterà il Chievo Verona, rischia di non giocare in Champions League l’andata degli ottavi?
“Nessuno rischia il Bayern Monaco, è tra un mese. Non bisogna esagerare. Tutti abbiamo obiettivi chiari. Non bisogna abbassare l’attenzione”.

L’Inter è ancora la favorita?
“Non lo è perché davanti c’è il Napoli. Ma i nerazzurri non sono tagliati fuori dalla lotta scudetto. Il calcio va affrontato con grande equilibrio. In Coppa Italia contro di loro abbiamo ottenuto una bella vittoria. Diamo anche i meriti alla Juventus del successo”.

L’infortunio di Mandzukic vi spinge sul mercato per un attaccante?
“Ma non starà fermo tutta la stagione. Non prendiamo attaccanti tanto per prenderli. Morata? Già in allenamento faceva goal e ha segnato anche in Coppa Italia”.

I giornali inglesi insistono che lei allenerà il Chelsea.
“Questo domandatelo alla società perché io ho un contratto, ma se domani mattina mi esonera non sarò più l’allenatore della Juventus. Questo non si può dire perché bisogna fare dei risultati, in questo momento li stiamo facendo, ma bisogna continuare. Ripeto, bisogna essere concentrati indipendentemente da quello che si dice, quello che io leggo, sul campionato, sulla Coppa Italia, arrivare per la seconda volta in finale non sarebbe male. E in Champions League magari arrivare in finale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy