Juventus, de Ligt deluso e polemico: “Avrei voluto giocare. In allenamento non ho capito nulla riguardo la mia titolarità…”

Juventus, de Ligt deluso e polemico: “Avrei voluto giocare. In allenamento non ho capito nulla riguardo la mia titolarità…”

“Ovviamente rispetto la decisione dell’allenatore”

di Redazione ITASportPress

Primo malumori, forse, in casa Juventus. Dopo la gara contro il Parma, il difensore Matthijs de Ligt ha parlato al quotidiano olandese AD. Il neo arrivato in casa bianconera ha assistito alla sfida dalla panchina: le scelte per il pacchetto arretrato sono ricadute sul duo Bonucci-Chiellini.

De Ligt ha ammesso di essere rimasto deluso, ma, in ogni caso, di rispettare le scelte tecniche del mister: “Come immaginerete, ovvio che avrei preferito giocare. Non ho avuto la possibilità di capire nulla durante gli allenamenti riguardo alla mia titolarità o meno, è stato inaspettato, ma ovviamente rispetto la decisione dell’allenatore.Devo essere realista: sono ancora in fase di assimilazione qui in Italia. Bonucci e Chiellini sono stati a lungo considerati come la coppia di difensori centrali più forti al mondo. Non è affatto scontato giocare al debutto. Dovrò conquistare da solo il mio posto in questa stagione”.

EVOLUZIONE –  E sui progressi fatti dal momento del suo arrivo, de Ligt ha detto: “Mi sono goduto le prime cinque settimane qui a Torino. Fisicamente è molto dura, ma noto che sto diventando più forte. Difensivamente, non ci si aspetta da me cose tanto diverse da quelle a cui ero abituato all’Ajax. L’abitudine devo prenderla per le cose quotidiane, come la lingua. Conosco i termini calcistici più importanti,ma voglio migliorare notevolmente il mio italiano. Ho un corso per cinque giorni a settimana, quindi direi che le cose procedono bene”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy