Juventus, l’ex Cobolli Gigli: “Se fossi Agnelli vorrei ripartire”

Le parole dell’ex presidente bianconero

di Redazione ITASportPress

Ancora incerto il destino del campionato di Serie A, attualmente sospeso a causa dell’emergenza Coronavirus. Sull’argomento, ai microfoni di Radio Punto Nuovo, è intervenuto l’ex presidente della Juventus Cobolli Gigli.

RIPRESA – “I giocatori, se controllati periodicamente con dei tamponi, sarebbero meno esposti di chi va a lavorare con i mezzi pubblici. Lo sport, in condizioni di sicurezza, deve ripartire. Non capisco i tentennamenti di Spadafora. Per i giocatori sarà più complicato, ma così si porterà avanti un sistema industriale, quello del calcio, che rappresenta una parte importante del Pil del Paese”.

AGNELLI – “Se fossi in lui, cercherei di ripartire per recuperare ricavi. Non vorrei lo scudetto senza vincerlo sul campo. L’ideale sarebbe concludere il campionato e ricucire il rapporto Serie A, Serie B e Serie C. Per settembre bisogna aver recuperato tutto e poi ricominciare con gli stadi aperti, almeno parzialmente”.

JUVENTUS, ALLEANZA SPECIALE COL BARCELLONA: ECCO L’AFFARE TRA LE DUE SOCIETA’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy