Juventus-Napoli, è caos: indebite pressioni sull’Asl per non giocare

Possibili aggiornamenti sulla vicenda che potrebbe causare non pochi problemi al campionato

di Redazione ITASportPress

Juventus-Napoli si gioca o no? Regna ancora l’incertezza sulla sfida che dovrebbe andare in scena questa sera per la terza giornata di Serie A. Nelle scorse ore l’Asl campana ha vietato la partenza del club partenopeo per Torino per via dei contagi di coronavirus riscontrati prima con Zielinski e poi per Elmas. A sua volta, la Vecchia Signora ha risposto che si presenterà regolarmente in campo per giocare. Il Napoli, dal canto suo, ha rispedito i calciatori ai propri domicili. Una situazione che deve trovare al più presto una soluzione ma in molti stanno anche ipotizzando che sotto la decisione dell’Asl si possa nascondere una “pressione” da parte del club azzurro ed in particolare dovuta all’amicizia tra De Laurentiis e De Luca, Governatore della Campania.

Juventus-Napoli: indebite pressioni

Napoli (Getty Images)

Secondo quanto si apprende, la tensione tra le varie parti coinvolte è altissima, tanto da far ipotizzare alla Lega e alla Figc che da parte del Napoli possano esserci state delle pressioni. In qualche modo l’ambiente azzurro avrebbe chiesto all’autorità sanitaria di ottenere il provvedimento. In ogni caso, la Lega che ha comunicato nella notte che la partita si svolgerà regolarmente, obiettando che l’Asl non può sovrastare il protocollo della Figc. Vedremo come si svilupperà la vicenda.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy