Juventus, Spinazzola: “Mai preso in considerazione il Dortmund e le altre proposte. La maglia numero 7…”

Juventus, Spinazzola: “Mai preso in considerazione il Dortmund e le altre proposte. La maglia numero 7…”

L’esterno bianconero ha parlato anche delle sue condizioni

di Redazione ITASportPress

Torna a riempirsi la sala stampa della Juventus e dopo Cristiano Ronaldo è toccato a Leonardo Spinazzola presentarsi all’Allianz Stadium. Il nuovo esterno bianconero ha detto: “Le mie condizioni sono più positive. Ho iniziato a correre una settimana fa. Ho fatto la visita da Mariani martedì scorso. Ora serve tanta pazienza, aspettiamo”.

STATO D’ANIMO – “Già felice di vedervi in tanti… stare qui per me è un sogno. Ho aspettato tanto per essere qui e adesso sono felice. Lo scorso anno ho provato a prendere il treno della Juve, ma l’Atalanta mi ha chiesto di restare e il mercato a volte va così. Ringrazio la società e Gasperini, sono stati due anni bellissimi per me e l’Atalanta anche grazie all’Europa League. Ringrazio la Juventus, che in questi sei anni mi ha aspettato.I primi anni ho fatto fatica a giocare. Da quando mi hanno spostato di ruolo ho avuto più spazio e consapevolezza nei mie mezzi”.

RIENTRO IN CAMPO – “Almeno fino a metà ottobre, anche novembre. Quando sarà ora comincerò ad allenarmi visto che con questo tipo di infortunio non bisogna rischiare”.

JUVE DIVERSA RISPETTO AL PASSATO – “La differenza è Cristiano Ronaldo. Sei anni fa quando sono andato via era impensabile pensare all’arrivo di un giocatore così. Oggi la Juve è un top club, tra i primi nel mondo con un centro sportivo meraviglioso.”.

RUOLO –  “Mi trovo molto meglio a sinistra. Da terzino destro non ho mai giocato quindi non so dire. Sarò comunque felice di giocare a destra, se mi sarà chiesto”.

ALLEGRI –  “Ho già fatto il ritiro di un mese quattro anni fa con lui. Conosco bene anche i compagni di Nazionale e tutto lo staff. Adesso bisogna aspettare per conoscere anche gli altri”.

BORUSSIA DORTMUND- “La mia idea è sempre stata quella di venire alla Juve e delle altre voci non interessava nulla”.

37 – “Ho scelto il 37, a Bergamo mi ha portato bene. Poi il 7 è il mio numero preferito. Dai, l’ho lasciato a Ronaldo… (sorride, ndr). E poi mi piace anche il 3”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy