ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Esclusiva

K. Serra a ISP: “Professionismo femminile svolta epocale. Serie A spettacolare con poule scudetto”

K. Serra a ISP: “Professionismo femminile svolta epocale. Serie A spettacolare con poule scudetto”

Katia Serra è una delle migliori voci femminili della Rai a livello calcistico per competenza e professionalità. L'ex calciatrice ha parlato ai microfoni di itasportpress

Redazione ITASportPress

Il calcio femminile passa al professionismo da luglio. Katia Serra, ex calciatrice e prima donna a rivestire il ruolo di commentatrice tecnica in una finale della Nazionale maggiore maschile, esattamente quella che ha visto trionfare agli Europei l’Italia ai rigori sull’Inghilterra, ha concesso una intervista a Itasportpress.it dove ha detto la sua sul passaggio al professionismo del calcio femminile.

Katia, l'addio al dilettantismo cosa rappresenta per il mondo del calcio femminile?

"E' un cambiamento davvero epocale visto che si avranno tutte le tutele del mondo del lavoro per le calciatrici, dalla pensione agli infortuni. I club avranno anche vantaggi visto che le giocatrici diventano un patrimonio con la monetizzazione dei trasferimenti. Non sarà più un divertimento giocare, ma un lavoro a tutti gli effetti".

La ratifica del Consiglio Federale ha avuto qualche resistenza però.

"Normale che ci siano state resistenze visto che i cambiamenti in Italia generano sempre allarmismi. Questo passaggio sancisce però una parità di tutele per praticare uno sport a tempo pieno. Il sistema potrà crescere ancora e da luglio ci adegueremo finalmente alle altre federazioni".

Dal punto di vista tecnico cosa cambia?

"Ci sarà un nuovo format a 10 squadre in Serie A con gironi di andata e ritorno e poi un poule scudetto e una retrocessione. Aumenteranno le partite, salirà la competitività e si innalzerà la qualità del prodotto che poi nel lungo periodo sarà appetibilissimo anche per le tv".

Si spera che la Serie A sia più spettacolare visto che finora vince solo la Juve...

"Il dominio Juve con la poule scudetto potrebbe non essere così marcato. La formula utilizzata ridurrà il gap e renderà incerto l'esito finale. La Juve è forte ma la Roma è cresciuta. Anche Inter e Milan stanno investendo e sono migliorate senza dimenticare il Sassuolo. La Lazio ha programmato male e senza conoscenze spiccate e investimenti giusti poi retrocedi. Come è capitato alla società biancoceleste non retrocessa in B per sfortuna ma per colpa degli errori commessi"

Il tuo lavoro in Rai continua e come sempre mostri professionalità, competenza e una grande passione non solo quando commenti l'Under 21 ma anche  a "90° Minuto". Hai portato bene all'Italia di Mancini, magari potevi andare anche a Palermo per lo spareggio playoff. Nel calcio si dice che squadra che vince non si cambia...

"In effetti nel calcio la scaramanzia è tanta e difatti ho ricevuto tantissimi messaggi da molti tifosi che mi hanno invitato a commentare lo spareggio playoff per il Mondiale contro la Macedonia del Nord. Poi anche con l'Under 21 è andata bene con 6 partite vinte e un pareggio nelle gare da me commentate. Magari andavamo al Mondiale con la mia voce...scherzo naturalmente visto che chi ha commentato la partita degli azzurri lo ha fatto con la solita grande professionalità".

tutte le notizie di