La Lazio rimonta ancora: Immobile e Parolo stendono il Torino 2-1

Gli uomini di Inzaghi si riportano a un punto dalla vetta

di Redazione ITASportPress
Lazio

La Lazio non sbaglia. I biancocelesti si impongono anche in casa del Torino e mettono pressione alla Juventus, impegnata sul campo del Genoa e ora avanti di un solo punto. Gli uomini di Simone Inzaghi dimostrano ancora una volta la loro maturità agonistica riuscendo a rimontare dopo essere passati in svantaggio. Il successo permettere loro di respingere anche l’eventuale assalto di Inter e Atalanta, dirette inseguitrici in classifica. Per il Toro è un brutto passo falso, che però non pregiudica il buon momento di forma.

Sergej Milinkovic Savic, Lazio, e Tomas Rincon, Torino (Getty Images)

LA GARA

Il Torino è reduce dal successo interno contro l’Udinese e la vittoria ha fatto crescere l’autostima della squadra di Longo. L’avvio dei granata rispecchia questo stato d’animo: al 5′ un fallo di mano di Immobile manda Belotti dal dischetto contro Strakosha. Il bomber non sbaglia e porta in vantaggio i padroni di casa. La Lazio si trova a dover rimontare come già accaduto nell’ultimo turno contro la Fiorentina. I biancocelesti recuperano lentamente terreno e si rendono pericolosi. Luis Alberto impegna Sirigu al 15′ e poco dopo Immobile si divora il pari. La squadra di Inzaghi attacca a testa bassa e sfiora il pari ancora con Immobile e Parolo. A inizio ripresa la Lazio trova il pareggio grazie al solito Immobile che si infila tra la difesa granata e batte con un preciso diagonale il portiere avversario. L’assedio biancoceleste non si esaurisce qui. Al 73′ arriva il raddoppio: Sirigu si supera su Milinkovic-Savic, ma sul disimpegno impreciso della difesa avversaria arriva Parolo che insacca grazie anche a una deviazione. E’ la rete che sancisce il secondo successo consecutivo per la Lazio. Gli uomini di Inzaghi restano in piena lotta per lo scudetto. Ora la palla passa alla Juventus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy