La verità di Ventura: “Ecco come è andata al Chievo. E sulla Nazionale…”

La verità di Ventura: “Ecco come è andata al Chievo. E sulla Nazionale…”

“Sono andato a Verona per amicizia con un programma che prevedeva determinate cose…”

di Redazione ITASportPress

Torna a parlare l’ex ct della Nazionale ed ex allenatore del Chievo, Gian Piero Ventura e lo fa a Sky Sport durante Calciomercato – L’Originale in collegamento da Bari. Italia, Chievo e anche un pensiero sul proprio futuro. Il tecnico fa chiarezza su quanto accaduto negli ultimi e turbolenti mesi.

NAZIONALE – “Se ho dato le dimissioni prima della sfida di ritorno contro la Svezia? Non ho pensato di farlo anche se avevo ufficializzato che non sarei andato ai Mondiali in caso di qualificazione. Non c’erano i presupposti per lavorare e l’aspetto tecnico era l’ultimo dei problemi. Avrei potuto farlo prima, dopo la Macedonia. Ho perso solamente due partite in un anno e mezzo, con Spagna e Svezia, ma non c’erano più i presupposti per continuare. Non c’è stato alcun ammutinamento, sono state dette un sacco di bugie e questo mi ha ferito più di tutto. Ho pensato di querelare per certe farneticazioni. Mi sono domandato  perché siano uscite queste cose”.

CHIEVO – Precisa anche la sua, breve, parentesi al Chievo: “Sono andato a Verona per amicizia, con un programma che prevedeva determinate cose”. “Se ho abbandonato la barca? Occorre dire le cose in modo corretto. Chiarisco: quando sono arrivato c’erano due grandi problemi, la condizione fisica e gli infortunati. Poi mancava convinzione, la penalizzazione aveva creato grandi difficoltà sotto l’aspetto mentale. In un mese abbiamo fatto un grande lavoro sulla testa di ogni giocatore, Di Carlo ha trovato una squadra in grado di giocare 90′ ad alta intensità. I giocatori si sono sentiti traditi e lo capisco, questo è uno dei gruppi con cui ho lavorato meglio. Le parole di Pellissier sono state dettate dalla delusione”.

FUTURO – “Carriera compromessa dopo l’Italia e il Chievo? In tanti anni ho fatto tante scelte azzeccate. La penultima scelta è stata sbagliata, l’ultima è stata di amicizia. Hanno accomunato la mia immagine a quella del CT e non a quella dell’allenatore, parliamo di un anno e mezzo contro 34 anni.” E sul proprio futuro confessa: “Ho voglia di continuare a fare quello che ho sempre fatto, vorrei riprendere la mia vita, quella che un anno e mezzo sembra aver cancellato. Voglio rimettermi in gioco, ho il sacro fuoco dentro, non accetterei mai un finale del genere. Pur non avendo vinto nulla, ho sempre trasmesso un’immagine di serenità e correttezza, vorrei concludere con professionalità”.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. GerardoP - 7 mesi fa

    p.s. tralasciando il PESSIMO gusto di criticare il lavoro di chi lo ha preceduto…esaltando la sua INFIMA esperienza al chievo…dicendo che i risultati che ha raggiunto Di Carlo, sono dovuti al lavoro fatto da lui…lui che ha fatto 1 punto in 4 gare ed è scappato dalla nave che imbarcava acqua…
    Questo modo di fare dice tanto dell’uomo…più che dell’allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GerardoP - 7 mesi fa

    Non so se sia giusto o meno, ma a livello nazionale, Ventura non potrà mai cancellare “l’orrore” di non aver portato l’Italia al mondiale:
    Certamente ci sarà chi , localmente, ricorderà un buon cagliari, un buon pisa, un buon bari o un buon torino….ma Ventura viene, e sarà, ricordato negli annali come il CT che non ha portato l’italia ai mondiali dopo 60 anni…
    Certamente tra 50 anni….guardando gli almanacchi si ricorderà questa macchia e si leggerà chi è stato quel CT.
    La storia delle poche sconfitte conta poi , davvero poco.
    Poteva perderne 4…come nessuna…ma aver fallito la qualificazione resta davvero incredibile…
    Patetica poi la storia delle dimissioni…una volta le ha date…una volta le ha promesse…una volta le ha pensate…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fantabar_7802771 - 7 mesi fa

    Non sono d’accordo sulle critiche a Ventura.
    Sicuramente ha commesso degli errori in nazionale, ma ricordiamoci lo stato in cui e’ attualmente il nostro calcio, roba da serie b.
    Io ho conosciuto il suo gioco quando ha allenato per 2 anni il Pisa.
    Devo dire che in 45 anni che seguo il Pisa non ho mai visto giocare cosi’ bene a calcio.
    Abbiamo passato un anno da sogno in serie B e il suo calcio era semplicemente stupendo!
    Probabilmente non era adatto alla nazionale, lui ha bisogno di una squadra da seguire giorno per giorno, ma la mia stima per lui e’ impressa col fuoco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. giuseppemantic_5174925 - 7 mesi fa

    Ancora!!!!???? Passano gli anni ma non cambi mai….ma sei capace di fare un minimo di autocritica? Evidentemente no….chi ti ha conosciuto bene e sa di che “pasta sei fatto”….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. micheledatr_245 - 7 mesi fa

    Ancora!!!!???? Ma smettila di dire idiozie e sparisci! Tu sarai ricordato solo ed esclusivamente per la figura di mer…. che hai fatto fare all’Italia intera!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. enzoruscon_2808205 - 7 mesi fa

    incredibile…che faccia di…BRONZO ! dove trova il coraggio di parlare in pubblico di queste vicende…L’Italia purtroppo e’ messa molto male sopratutto perche’ diretta da elementi tipo Sventura

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy