Lazio, Farris racconta: “Ho detto a Immobile che avrebbe segnato”

Le parole del vice allenatore biancoceleste

di Redazione ITASportPress

La Lazio supera in rimonta il Torino e si riporta vicino alla Juventus in classifica. Il vice allenatore biancoceleste Massimiliano Farris racconta le sue impressioni a Sky Sport: “Il regolamento punisce i falli di mano. Il problema è che è penalizzante perdere un giocatore dopo 4 minuti per un nulla. Un’ammonizione così ci distrugge. La squadra si è sacrificata, a partire dagli attaccanti. A loro chiediamo sempre un sacrificio in fase di non possesso. E’ chiaro che alla lunga questo viene fuori. Ciro si è rammaricato per gli episodi negativi. Anch’io a inizio secondo tempo gli ho detto che l’occasione buona sarebbe arrivata. Stiamo assistendo a partite stranissime. Contro l’Atalanta abbiamo giocato bene per mezz’ora e poi siamo calati. Poi però abbiamo ribaltato Fiorentina e Torino. Credo che la crescita mentale sia stata quella principale. L’avvio può incidere pesantemente, ma le due vittorie in rimonta sono importanti per il morale. Per la prima volta non siamo costretti a giocare ogni tre giorni. In questo modo potremo recuperare. Non abbiamo la possibilità di recuperare subito qualcuno. Valuteremo Cataldi e Marusic. Leiva è un giocatore importante per noi, ma deve curare il menisco che è un punto assai delicato. Inzaghi è una persona speciale. Sa gestire la squadra, è uno con un cuore immenso. Conosce nell’intimo tutti i giocatori. Credo che la crescita di molti elementi sia merito suo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy