Lazio, Inzaghi dispiaciuto: “Non abbiamo giocato alla pari dopo la sosta”

Le parole del tecnico biancoceleste

di Redazione ITASportPress

La Lazio esce sconfitta contro il Napoli e chiude al quarto posto. Il tecnico Simone Inzaghi analizza la prestazione dei suoi uomini al termine del match del San Paolo.

Inzaghi
Inzaghi (getty images)

LE PAROLE DI INZAGHI

Simone Inzaghi analizza la gara della sua squadra ai microfoni di Sky Sport: “Spiace, non volevamo finire quarti. Sapevamo che l’Atalanta stava perdendo e non volevamo perdere, volevamo arrivare terzi. Ma c’era un po’ di nervosismo, mi è successo tante altre volte. Ora è tutto tranquillo. Finiamo al quarto posto, una posizione che avremmo potuto migliorare per come eravamo piazzati prima della sosta. Ma nulla toglie al campionato dei ragazzi. Abbiamo lasciato dietro Napoli, Milan e Roma, avversari molto attrezzati. Siamo insieme da 4 anni, dobbiamo migliorare dove potremo. Dovremo cercare di fare un ottimo cammino in Champions e ripartire nel modo giusto. Con Gattuso non c’è nessun problema, anche se non ci siamo ancora incontrati. Capitano queste cose. In queste giornate si sono visti tanti scambi di opinioni. C’era stato qualcosa tra un suo collaboratore e un mio collaboratore, ma sono cose che si risolvono a fine partita”.

CONTRATTO

Poi Inzaghi fa il punto della situazione sul rinnovo: “Innanzitutto dovevamo concludere la stagione, ora ci sarà tempo per parlarne. L’obiettivo era finire nel migliore dei modi questa stagione. Venivamo da tre vittorie consecutive perché avevamo di nuovo quasi tutti gli effettivi. Eravamo tornati ad essere squadra. Stasera potevamo fare meglio. Avevamo tenuto bene il campo nel primo tempo contro il Napoli, una grandissima squadra che è agli ottavi di Champions. Dovevamo entrare diversamente nella ripresa, non dovevamo prendere quel calcio di rigore. Ci incontreremo col direttore e col presidente serenamente, vedremo ciò che accadrà. Il mio rammarico più grande risale alla settimana di Bergamo, quando sono andato lì senza 6-7 giocatori, di cui 5 titolari. E’ normale che qualche problema potessimo risentirne, mi sono ritrovato senza diversi giocatori importanti. Il rammarico è non aver potuto giocare alla pari degli altri dopo la pausa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy