gazzanet

Lazio, Inzaghi: “Vittoria strameritata. Vincere un derby così da grande carica”

Simone Inzaghi (getty images)

"Orgoglioso di allenare questo gruppo"

Redazione ITASportPress

"Ho avuto tante difficoltà nel riscaldamento, dovendo cambiare degli uomini. Sapevo che con questo atteggiamento avremmo fatto una grande partita. La Roma è una grandissima squadra, noi dovevamo fare la partita giusta. L’infortunio di Orsato può capitare, anche io in campo sbagliavo goal: Orsato con Rizzoli è il miglior arbitro d’Italia. All’intervallo non ho pensato all’errore, ma a ricaricare i miei. Abbiamo avuto uno spirito giusto e abbiamo vinto strameritatamente. L’anno scorso nelle sette partite avevo capito che il gruppo mi seguiva alla lettera. Quando mi è stato affidato l’incarico ho sentito tante storie, ma sapevo che i ragazzi erano con me e sono orgoglioso di allenare questo gruppo. Io e lo staff cerchiamo di dare il massimo, alleniamo un grande gruppo fatto di uomini veri, sia chi ha giocato 36 partite chi 7. I ragazzi meritano di essere osannati, vincere un derby tra mille difficoltà dà grande carica per le ultime 5 partite della stagione. Un allenatore vive di sensazioni, Lukaku è in un ottimo momento e quando Immobile ha alzato bandiera bianca ho pensato a questo. In Coppa Italia era andato benissimo e volevo tenermi Felipe Anderson come arma a sorpresa. Al di la dei punti dobbiamo fare le prestazioni, avevamo un ciclo terribile. Ho dato fino a mercoledì mattina libertà ai giocatori, meritano di stare tranquillamente con le famiglie, in questi giorni li ho tartassati. Superfluo fare dediche, oltre al mio staff penso alla mia famiglia, i figli, i genitori, ma la dedica è per il gruppo che alleno. Se penso da dove siamo partiti, è stata un’escalation". Così Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, al termine del derby vinto contro la Roma ai microfoni di Sky Sport.

"[embedcontent src="videogazzetta" url="http://video.gazzetta.it/roma-lazio-1-3-keita-eroe-una-doppietta/7bf44efc-2da1-11e7-b3ba-c30a9b4ebd60?vclk=HP"]

Potresti esserti perso