Lazio, Lotito rivela: “Milinkovic-Savic? Il 17 agosto un’offerta, ma avevo fatto una promessa…”

Lazio, Lotito rivela: “Milinkovic-Savic? Il 17 agosto un’offerta, ma avevo fatto una promessa…”

“Avevo preso un impegno con l’allenatore”

di Redazione ITASportPress

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, intervistato da Il Tempo, ha parlato del club biancoceleste ed in particolar modo del calciomercato che, nell’ultima sessione estiva, è stato piuttosto caldo a causa dei tanti club interessati al centrocampista serbo Sergej Milinkovic-Savic. Come spiega lo stesso numero uno del club capitolino, in realtà il giocatore non è mai stato vicino all’addio, complice anche una promessa fatta dal patron al tecnico Simone Inzaghi:

“Avevo preso un impegno con l’allenatore che non lo avrei venduto in questa stagione, anche se ho ricevuto un’offerta importantissima il penultimo giorno di mercato, avevamo un piano per sostituirlo ma non c’era tempo. Qualche benpensante ha ritenuto di anticipare la chiusura in mia assenza, ma la Lega con questa delibera si è condannata da sola ad avere dei danni, togliendoci la possibilità di fare operazioni fino al 31 agosto come in Inghilterra, Spagna o Francia. Quando arriva un’offerta il 17 agosto e il 18 chiudere il mercato, non potevo cederlo, ma soprattutto per la promessa fatta al tecnico: sono abituato a rispettare gli impegni che prendo. Le cifre non si dicono ma sicuramente era un’offerta indecente che penso nessuno in Italia avrebbe mai rifiutato, lo dico senza paura di essere smentito. Non lavoro per il denaro, a me piace vincere le sfide, vedremo se ho sbagliato o ho avuto ragione a farlo. Avrei potuto vendere tanto ma non l’ho fatto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy