Lega Serie A, con la trattativa privata si punta sempre al miliardo di euro

L’assemblea di Lega si riunirà nuovamente venerdì, alle 11 per affrontare il tema del rinnovo della governance, e alle 15 per valutare l’esito delle trattative private sui diritti tv del triennio 2018/21

di Redazione ITASportPress

Nelle trattative private con i broadcaster per i diritti tv, la Lega Serie A punta a “ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal bando, ossia 1 miliardo e 50 milioni di euro”, altrimenti “si riserverà di valutare l’offerta presentata dall’intermediario indipendente” che ha partecipato al bando subordinato. Lo ha chiarito il commissario della Lega, Carlo Tavecchio, dopo l’assemblea dei club, che “all’unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata”.

Come ha spiegato Tavecchio, l’assemblea di Lega si riunirà nuovamente venerdì, alle 11 per affrontare il tema del rinnovo della governance, e alle 15 per valutare l’esito delle trattative private sui diritti tv del triennio 2018/21. Ammontano a meno di 800 milioni di euro le migliori proposte per i vari pacchetti (principali e opzionali) avanzate dai soggetti che hanno partecipato al bando per gli operatori della comunicazione. Il bando per gli intermediari indipendenti è subordinato alla mancata assegnazione dei diritti tv ai tradizionali operatori della comunicazione. L’apertura delle buste del bando subordinato è prevista entro le 13 di sabato 27 gennaio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy