Legrottaglie: “Acquisti gennaio Napoli non determinanti per lo Scudetto”

Per Legrottaglie la Juve vincerà il campionato

di Redazione ITASportPress
L’ex difensore di Milan e Juventus, Nicola Legrottaglie ha un sogno nel cassetto: fare l’allenatore. Ha iniziato il suo percorso inizialmente con i giovani del Bari per poi accomodarsi su una panchina di Serie A. A Cagliari infatti Legrottaglie è stato il vice di Rastelli. L’avventura però è già finita dopo l’esonero del mister della promozione della squadra isolana. “Sto facendo il master, a giugno prendo il patentino per fare l’allenatore. Poi sarò pronto per allenare. Sto cercando di crearmi il mio modello, la mia identità. Prendo spunto da tanti allenatori importanti che ho avuto, ma cerco di creare nella mia testa un modello per essere all’avanguardia. A me piace il gioco propositivo, anche se in Italia si pensa prima a non prenderle…”.
CAGLIARI – “Con il mister abbiamo avuto qualche problema: quattro sconfitte hanno creato un po’ di malumore. Il presidente ha pensato di cambiare, ma non stavamo facendo male. Ci serviva un po’ di tempo. Ma il calcio è fatto così, devi accettarlo così com’è e non puoi farti condizionare”.

SCUDETTO – “Da qui alla fine Napoli e Juve si daranno battaglia, i bianconeri comunque rimangono favoriti per rosa ed esperienza. Sarà una lotta degna del nostro campionato”. Così a TuttoMercatoWeb Nicola Legrottaglie fotografa il campionato di serie A che riprenderà questa settimana.
NAPOLI – “Pur acquistando giocatori importanti, non saranno determinanti ai fini della vittoria del campionato. Difficilmente Sarri cambierà i suoi titolari. Il vantaggio però è che i big riposeranno nelle competizioni europee e il mercato in questo senso sarà importante. Comunque Verdi è un gran bel giocatore. Se il Napoli lo ha scelto è perché ha studiato le sue caratteristiche e valutato che si sposano con il sistema di gioco di Sarri. È un italiano in rampa di lancio”.
DYBALA – “Tutti i giocatori che la Juventus compra riescono sempre a rendere. La Juve difficilmente sbaglia qualcosa, ha una base così forte tale da prendere due giocatori per poter fare la differenza. Qualcuno in estate potrebbe anche partire, ma una cessione non determinerà il percorso della Juventus, che è strutturata per vincere per dieci anni di fila”.
LISANDRO LOPEZ – “Fisicamente e per caratteristiche dovrebbe adattarsi al calcio italiano. Dovrà inserirsi nei sistemi di gioco dell’Inter, che lavora su dei principi precisi. Gli serviranno due-tre mesi per inserirsi, poi starà al ragazzo velocizzare il processo di inserimento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy