Milan, Gattuso: “Pensiamo gara per gara. Cutrone ora è importantissimo”

Il tecnico rossonero: “Non dimentichiamoci come eravamo due mesi fa: lo ripeto, non siamo Brad Pitt, io voglio dei Calimero con le occhiaie, tutti brutti e con la barba come me”

di Redazione ITASportPress

Gennaro Gattuso, tecnico del Milan, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro l’Udinese alla Dacia Arena; ecco quanto dichiarato: “Questo è un gruppo con grandissime qualità, l’ho sempre sostenuto anche con la dirigenza, però la bravura in questo momento deve essere quella di restare compatti. Normale che chi non gioca tenga il muso lungo, ma non deve succedere: voglio una squadra in cui tutti si sentano protagonisti, anche chi gioca meno. Contro l’Udinese servirà una grande prestazione, non bisogna sbagliare nulla, perché loro sono molto forti fisicamente, in salute, e sanno palleggiare e verticalizzare in modo fantastico.

OBIETTIVI – “Stiamo lavorando bene e il merito è dei ragazzi. I complimenti? Fanno piacere ma non ci faccio caso: conosco il mio valore e so quali sono le mie idee: resto coi piedi per terra e cerco di sbagliare il meno possibile. Leggo poco, preferisco così, anche perché sento parlare di rimonte e corsa Champions: no, oggi noi non siamo ancora nemmeno in Europa League, perché la Samp è davanti in classifica. Pensiamo gara per gara e non dimentichiamoci come eravamo due mesi fa: lo ripeto, non siamo Brad Pitt, io voglio dei Calimero con le occhiaie, tutti brutti e con la barba come me. Fisicamente stiamo molto meglio, anche se devo ancora risolvere il problema della tenuta non completa per tutta la gara: credo sia una questione mentale, dobbiamo abituarci a dare il massimo giocando ogni tre giorni”.

SQUADRA – “Silva titolare? Vediamo, potrebbe succedere. Se vedo Suso in flessione? No, sta facendo un lavoro diverso rispetto al passato, attacca e difende, e mostra grande disponibilità. Certo, ci aspettiamo qualche gol dalla sua mattonella ma me lo tengo stretto. Ci sta aiutando tantissimo e può dare qualcosa di più. Sono contento. Calabria? Ha 20 anni e sembra ne abbia 40, gioca con grande esperienza: è un ragazzo umile, ascolta e ha voglia di imparare. Se Cutrone è pronto per giocare da titolare? È pronto per fare tutto, è un tarantolato, non deve perdere questo entusiasmo perché lo trasmette alla squadra e in questo momento uno così è importantissimo per noi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy