Milan, Maldini: “Si è creata una particolare magia. Mi appassiona fare il dirigente”

Maldini si racconta nella nuova vita da dirigente

di Redazione ITASportPress

Il Milan è una delle squadre protagoniste di questo avvio di stagione, come dichiarato anche da uno che di colori rossoneri se ne intende come Paolo Maldini: “Si è creata una particolare magia”. La stessa che Pioli e la sua banda vogliono trasformare in qualcosa di concreto: “I risultati in questa stagione sono più aperti . dichiara il dirigente rossonero – , anche con numeri completamente diversi. L’assenza del pubblico determina sicuramente qualcosa. Alcuni dicono che siamo lì grazie all’assenza, ma sono sicuro che in questo momento ci avrebbero dato più forza. Non avere il pubblico resta comunque una cosa tremenda. Le emozioni sono collegate ai tifosi. Come, per esempio, con i 90mila di Barcellona o gli 80mila di San Siro. A me manca la tensione, che te la dà soprattutto il pubblico”.

“CHE BELLO FARE IL DIRIGENTE”

Maldini (getty images)

Maldini ha poi raccontato la sua nuova avventura in rossonero: “Mi appassiona questa nuova avventura. Considerare il calciatore come lavoratore è difficile – dichiara l’ex terzino rossonero – . Ma anche da dirigente sei partecipe alle gioie e alle sofferenze della squadra. L’inserimento non è facile, ci vuole tempo e purtroppo viviamo in una società frenetica. Non ho mai avuto paura però di provarci”. Poi non poteva mancare qualche parola su Ibrahimovic: “Da giocatore l’ho incontrato con diverse squadre e lo marcavo da centrale. Ora, per me, è diventato più grosso, anche perché non facevo così fatica come con Adriano per spostarlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy