Milan, Pioli: “Non pensiamo allo scudetto ma alla Sampdoria, squadra valida e ben allenata”

Il tecnico rossonero in sala stampa ha detto la sua sul match di domani

di Redazione ITASportPress

Domani la vice capolista Milan affronterà la Sampdoria alle ore 12.30 a San Siro. Alla vigilia Mister Pioli è intervenuto in conferenza stampa da Milanello per anticipare i temi di questa sfida. “Arriva il momento decisivo della stagione, tutto ciò che abbiamo fatto nei mesi scorsi era finalizzato a essere in questa situazione, dobbiamo pensare che le partite saranno tutte complicate e dare il massimo per arrivare a fine stagione senza alcun rimpianto. I conti li faremo alla fine. I giocatori di movimento che sono rimasti a casa hanno lavorato bene, dalle nazionali sono tornati tutti in buone condizioni a parte Brahim, che ha un problema e capiremo nelle prossime ore se sarà a disposizione. Le soste portano via lavoro, attenzione e preparazione alla gara, ma dobbiamo assolutamente concentrarci su questa partita e non pensare al futuro. Nelle partite a fare la differenza sono qualità e motivazioni, che reputo forti per entrambe le squadre. La squadra arriva a questa partita con la condizione giusta, anche a livello mentale. A Firenze si è vista stata una grande prestazione, di spirito e di qualità, una conferma della crescita di questa squadra. Dobbiamo continuare così: domani è fondamentale mettere in campo una prestazione forte, sarà molto difficile perché la Samp verticalizza molto, in fase difensiva sa aspettare ma anche venirti a prendere. Ci saranno spazi e li dovremo sfruttare. Contro la Sampdoria non avremo Romagnoli, Calabria, Maldini, Mandžukić, Leão e forse anche Brahim Díaz. Mi auguro di avere più giocatori a disposizione già dalla prossima partita”.

Sampdoria-Milan
Sampdoria-Milan (getty images)

CREDERE ALLO SCUDETTO – Crediamo totalmente in quello che facciamo. Serenità, fiducia e tanto lavoro: questo è il nostro modo di operare. Ci sono 30 punti a disposizione, sono tanti e la lotta si farà dura. Per noi è obbligatorio pensare alla partita di domani, che ci vedrà opposti a una formazione valida, che sta bene ed è allenata da un tecnico che stimo e che mi ha insegnato tanto. La squadra deve pensare in positivo, sappiamo benissimo che dobbiamo tramutare le convinzioni e le speranze in prestazioni”.

LA QUOTA CHAMPIONS – “75 punti potrebbe essere la soglia giusta per arrivare in Champions League, ma è prematuro fare calcoli ora, soprattutto perché abbiamo ancora tanti scontri diretti da affrontare. I nostri numeri casalinghi sono molto inferiori rispetto a quelli in trasferta, perciò reputo importante tornare a vincere nel nostro stadio”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy