Moratti: “Inter da scudetto ma il Milan ad oggi merita di più. Su Conte…”

“La Juventus potrebbe risalire e le altre sono agguerrite”

di Redazione ITASportPress
Moratti

Torna a parlare Massimo Moratti e lo fa nel corso di una lunga ed interessanteintervista a Il Giornale. L’ex patron dell’Inter ha fatto il punto sul campionato di Serie A toccando diversi temi caldi sia dell’ambiente nerazzurro sia in generale del torneo nostrano.

Moratti: scudetto e Inter

Danilo D’Ambrosio, Inter (Getty Images)

“Penso che nelle ultime settimane la situazione sia diventata favorevole per l’Inter”, ha esordito Moratti osservando la classifica di Serie A. “Quando si riprenderà il campionato la squadra sarà in una condizione di classifica comoda e penso possa vincere il campionato perché ha una squadra con forza e qualità anche se deve trovare un gioco più fluido se vuole raggiungere certi obiettivi”.

E sullo scudetto: “Se l’Inter può vincerlo? Potrebbe, ma bisogna ancora vedere tante cose. Per ora il Milan lo merita di più per quanto fatto vedere in campo fino ad ora ma poi c’è anche la Juventus che potrebbe risalire e anche le altre mi sembrano agguerrite. L’Inter la vedo bene e favorita per la vittoria finale ma deve ancora alzare il livello di gioco”. E poi ancora sul Milan: “Penso che in pochi se l’aspettassero. Devo fare i miei più grandi complimenti alla società, a Pioli, ai giocatori che stanno facendo davvero qualcosa di eccezionale. Pensavo che con l’assenza di Ibrahimovic avrebbero perso qualcosa e invece hanno colto risultati anche senza di lui. Meritano di essere in testa”.

Passando poi all’Inter: “L’uscita dalla Champions? Dà fastido e brucia. La sfortuna un po’ ha inciso ma il turno doveva essere superato. Questo però può anche essere d’aiuto per dare ancora più stimoli e motivazioni alla squadra che ha ora il grande obiettivo di vincere lo scudetto”. “I tre più importanti per l’Inter? Assolutamente Barella perché per conto mio sta migliorando partita dopo partita e in maniera considerevole. Lukaku è molto forte ma questo lo diciamo ormai da mesi e poi c’è Hakimi che se trova una continuità di rendimento può diventare devastante”.

Infine su Conte: “La società ha investito tantissimo e ha seguito i dettami del tecnico fin dall’inizio. Hanno seguito la strada di Conte, hanno speso un sacco di soldi per rinforzare la rosa e penso che tutti i dirigenti stiano allestendo una squadra come si deve per competere in Italia e in Europa. Allegri al posto di Conte? Non lo so, ormai non ho più questa conoscenza degli allenatori. Allegri è bravo come Conte ma poi bisogna sempre vedere se si ottengono i risultati. Se l’Inter vince è abbastanza chiaro che non si cambierà guida tecnica”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy