Napoli, Ancelotti: “Possiamo vincere. Koulibaly fuoriclasse. In passato vicino al ritorno al Milan due volte…”

“Studierei come allena Klopp o Pochettino perché li conosco poco”

di Redazione ITASportPress
Ancelotti

Secondo posto in classifica, fuori dalla Champions League dopo un girone giocato alla grande contro avversari di spessore come Liverpool e Paris Saint-Germain. Il Napoli di Carlo Ancelotti studia da grande e sa che nel giro di poco tempo può davvero affermarsi sui maggiori palcoscenici europei. Ne è convinto proprio il tecnico azzurro che ha rilasciato una lunga ed interessante intervista al Corriere della Sera.

IN ITALIA – Sul dominio della Juventus e sul movimento calcistico italiano, il tecnico di Reggiolo ha commentato: “La superiorità della Juventus è un problema per il movimento? Direi di no, non abbassa la passione degli altri tifosi per la propria squadra, anzi”. “Se vedo una crescita del nostro calcio? Sì: in campionato c’è una buona qualità di gioco; la Nazionale ha inserito giovani interessanti; c’è un nuovo presidente della Federazione con idee chiare. Il movimento è destinato a crescere. Certo, se ci fosse un incentivo a fare stadi nuovi e a migliorare la cultura dentro…”.

ALLENATORI – “Chi andrei a studiare tra gli allenatori europei? Uno che conosco poco, direi Klopp o Pochettino, perché Allegri, Simeone, Spalletti, Guardiola so già come lavorano. È sempre interessante vedere come un allenatore si comporta, ma copiare è impossibile. Eppure c’è chi non fa vedere gli allenamenti”.

SARRI – In riferimento al Napoli e al precedente allenatore Maurizio Sarri, Ancelotti spiega: “Qua c’era una squadra che aveva un’identità ben precisa, noi cerchiamo di averla un po’ più versatile. I campionati li ha vinti chi ha giocato a uomo, chi ha fatto il possesso palla, chi ha fatto il contropiede, chi non faceva ritiro, chi lo faceva…”.

NAPOLI – Il suo Napoli si sta dimostrando più duttile e malleabile tatticamente e non solo. “Come ci sono riuscito? In modo graduale. L’unica cosa cambiata è stata la disposizione in fase difensiva, dal 4-3-3 al 4-4-2, per me è la più efficace. Ho parlato con qualche giocatore, Allan e Diawara, mi hanno dato la loro disponibilità, altrimenti non l’avrei fatto. C’era la sosta per la Nazionale, l’abbiamo provata 20 minuti…”. E sugli obiettivi del Napoli: “Per vincere. L’obiettivo è una squadra che arriva alla fine del campionato lottando”. Poi sui singoli giocatori, su uno in particolare, il centrale senegale Koulibaly, afferma con tanta onestà: “Non lo posso negare. È un fuoriclasse, faccio più fatica a fare a meno di lui”.

PRESIDENTE – C’è spazio anche per una battuta sul patron De Laurentiis: “Tre aggettivi per descriverlo? Schietto, generoso e curioso. Io e lui parliamo pochissimo di calcio. Mi dà le chiavi della squadra, si fida e io gli sono grato”. E sul Natale e su possibili regali dal mercato, conclude: “Cosa chiedo a Babbo Natale? Nulla sono soddisfatto così”.

CHAMPIONS – “Se direi ancora ‘saremmo dei cogxxxni ad uscire dalla Champions’? Io intendevo: ‘saremmo coglioni a uscire per un mancato risultato contro la Stella Rossa’. Invece siamo stati in ballo fino all’ultimo contro una squadra, il Liverpool, candidata a vincere la coppa. Come il Psg, il Barcellona e la Juventus, che però ha un ostacolo difficile nell’Atletico Madrid. Il Real senza Ronaldo invece è meno competitivo”.

RETROSCENA – Ancelotti racconta anche un momento della sua carriera in cui fu vicino al clamoroso ritorno in quello che è stato il suo Milan: “Vero, fui vicino al ritorno due volte. Quando sono andato via dal Real Galliani è venuto a caccia a Madrid, ma dovevo riprendermi da un problema alla cervicale. E poi un’altra volta con Fassone c’è stato un mezzo tentativo, dopo il Bayern”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy