ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Serie A

Napoli, Spalletti: “Non voglio vita facile. Ecco un’idea contro il razzismo”

(Getty Images)

Il Napoli capoclassifica sfida il Torino. Il tecnico Luciano Spalletti esprime il suo punto di vista sul momento della squadra

Redazione ITASportPress

Il Napoli insegue l'ottavo successo consecutivi. In Serie A, finora, nessuno ha tenuto il ritmo degli azzurri, ancora a punteggio pieno dopo sette turni. Il tecnico Luciano Spalletti analizza questa situazione in conferenza stampa: "Le partite si preparano sempre allo stesso modo, sono tutte importanti, tutte hanno 3 punti in palio. Ma si vedono i dettagli di chi affrontiamo, che comportamenti usano, le loro caratteristiche e noi sappiamo il nostro percorso. Abbiamo iniziato parlando chiaramente della nostra ambizione, vivere senza scopo è già raggiunto, noi vogliamo avere uno scopo per allenarci e giocare in modo corretto, facendo fatica e sudando, lo si fa per un risultato. Non mi basta una vita facile, voglio metterci qualcosa di mio. Poi è chiaro che il Torino ha una storia di squadra che lotta, tosta, ogni volta ho sempre avuto difficoltà, ti dà battaglia, ora con Juric ancora di più perché è uno che sa fare il suo lavoro, ha il suo credo, prende calciatori con quella caratteristica che vuole, nell'analisi di questa gara non troverei giustificazioni al fatto che abbiamo lottato meno di loro per la nostra classifica, il nostro pubblico, l'amore che ci circonda, questo mi dispiacerebbe".

 Luciano Spalletti (Getty Images)

CONTRO IL RAZZISMO

Contro la Fiorentina, la festa è stata rovinata dal caso di razzismo contro il difensore Kalidou Koulibaly. Spalletti propone: "Ci sono anche molti che ragionano in modo giusto e condanno quei gesti negli stadi, mi sono permesso di dirgli che quando la gente si comporta così allora facciamogli una foto, tanto ormai si fanno foto ovunque. Anche lui può farsi prestare un telefono, fingendo di parlargli si fa una foto e diventa più facile buttarli fuori dagli stadi. Vogliamo tutti diventare altissimi e nerissimi come il vatusso Koulibaly, e bellissimo perché è anche bello (ride, ndr.)".

tutte le notizie di