Nuovo Dpcm: il Covid non ferma il calcio e lo sport professionistico che vanno avanti

È quanto si legge nel testo del Dpcm, pubblicato ufficialmente oggi in Gazzetta Ufficiale.

di Redazione ITASportPress
Pallone Serie A 2020-21

Il calcio soffre il Covid 19 ma deve andare avanti visto i troppi interessi che vi gravitano attorno al sistema con milioni di euro che andrebbero bruciati in caso di nuovo stop come a marzo. Così nell’ultimo Dpcm del Governo è ben chiaro che il calcio professionistico ma anche lo sport va avanti. È quanto si legge nel testo del Dpcm, pubblicato ufficialmente oggi in Gazzetta Ufficiale.

“Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni ‒ riconosciuti di interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP) ‒ riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico”, si legge.

“Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate e Enti di promozione sportiva”.

“Al fine di consentire il regolare svolgimento delle competizioni sportive che prevedono la partecipazione di atleti, tecnici, giudici e commissari di gara, e accompagnatori provenienti da Paesi per i quali l’ingresso in Italia è vietato o per i quali è prevista la quarantena, questi ultimi, prima dell’ingresso in Italia, devono avere effettuato un test molecolare o antigenico per verificare lo stato di salute, il cui esito deve essere indicato nella dichiarazione di cui all’articolo 7, comma 1, e verificato dal vettore ai sensi dell’articolo 9”.

“Tale test non deve essere antecedente a 72 ore dall’arrivo in Italia e i soggetti interessati, per essere autorizzati all’ingresso in Italia, devono essere in possesso dell’esito che ne certifichi la negatività e riporti i dati anagrafici della persona sottoposta al test per gli eventuali controlli. In caso di esito negativo del tampone i soggetti interessati sono autorizzati a prendere parte alla competizione sportiva internazionale sul territorio italiano, in conformità con lo specifico protocollo adottato dall’ente sportivo organizzatore dell’evento”, conclude il Dpcm.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy