PALERMO, guai grossi: il tribunale condanna Zamparini per Dybala

PALERMO, guai grossi: il tribunale condanna Zamparini per Dybala

Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, condannato da un tribunale inglese a pagare 15 milioni di euro a un fondo d’investimento per l’affare Dybala.

di Emanuele Costa, @EmanueleCosta91

Guai grossi in casa Palermo. Il presidente dei rosanero, Maurizio Zamparini, è infatti sotto processo in Inghilterra, per questioni legate al caso Paulo Dybala, attualmente alla Juventus. L’Alta Corte di Manchester ha infatti condannato il Palermo, in primo grado, al pagamento di 15 milioni di euro al Pencil Hill Ltd, il fondo di investimenti inglese che lamentava il mancato pagamento del cartellino di Dybala all’epoca del suo approdo in rosanero, proveniendo  dall’Instituto di Cordoba.

Quell’investimento, secondo quanto ricostruito dalla procura britannica, servì al Palermo per pagare solo 4 milioni dei 13 effettivamente corrisposti al Cordoba per il trasferimento di Dybala. Il debito in sé constava di 6,7 milioni; cifra che secondo quanto valutato dal tribunale inglese, tra interessi, credito maturato e spese legali si alza di ulteriori 6,7 milioni (anche per una penale presente nel contratto e che scattava qualora il primo versamento non fosse stato effettuato) e raggiunge la fatidica quota 15 . A difendere il fondo d’investimento, che oggi non sarebbe più considerato parte lecita in causa vista la circolare della FIFA del 1° maggio 2015 che vieta ogni tipo di parte terza nella compravendita dei giocatori, è stato lo studio legale Cassell Moore, specialista in diritto commerciale, già coinvolto in altre vicende giudiziarie riguardanti i TPO/TPI. Tra le altre, la torbida storia di mercato che portò Marcos Rojo dallo Sporting CP al Manchester United, con conseguente indignazione dei portoghesi e “guerra” dichiarata ai fondi d’investimento. La storia potrebbe non fermarsi qui: lo studio legale, infatti, ha deciso di allargare l’inchiesta, formando una vera e propria class action coinvolgendo altre società inglesi che potrebbero aver avuto a che fare con il Palermo e aver riscontrato delle irregolarità a livello giuridico.

Sulla questione è intervenuto anche Gustavo Mascardi, che insieme a Pierpaolo Triulzi curava gli interessi di Dybala al tempo del trasferimento in questione, e che è oggi consulente della Pencil Hill: “Zamparini sfugge a tutte le sentenze, anche quelle della Fifa. Ma sulla base di questa sentenza presto ci rivolgeremo alle autorità giudiziarie europee e italiane”. Queste le sue parole, secondo quando riportato da La Gazzetta dello Sport.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy