Parma, D’Aversa: “Contro la Fiorentina fatta ottima gara”

Parma, D’Aversa: “Contro la Fiorentina fatta ottima gara”

Il tecnico ducale analizza la prova dei suoi al Franchi

di Redazione ITASportPress

Al termine del match finito 1-1 al Franchi, Mister D’Aversa ha incontrato i giornalisti in sala stampa. Ecco le sue parole: “Credo che, nonostante la difficoltà numerica, abbiamo fatto un’ottima gara. In alcune circostanze siamo mancati nell’ultimo passaggio e credo che avremmo potuto sfruttare al meglio quelle situazioni, dove eravamo stati bravi a lavorare in fase difensiva sapendo che magari qualcosina ci concedevano con il cambio di modulo: loro sapevamo fossero abituati a giocare a cinque, invece questa sera hanno giocato a quattro. Concedetemi di dire che in due circostanze ci sono state valutazioni troppo affrettate, con Gervinho lanciato a rete bisognava aspettare che finisse l’azione per poi valutare se fosse fuorigioco o meno; è successo due volte, una nel primo tempo, e la giustificazione è stata che fosse tornato indietro, poi è successo anche nel secondo tempo. Si tratta di due situazioni che per le caratteristiche dei calciatori nostri è come limitarci la possibilità di arrotondare il risultato: non lo dico sotto forma di polemica, ma perché la regola dice questo”.

La componente positiva è che questi ragazzi lottano dall’inizio alla fine. Gagliolo mi ha dato la disponibilità pur non avendo fatto un allenamento, pensavamo di non portarlo ma lui ha insistito per esserci; ci tengo a evidenziare anche Karamoh, nel primo tempo ha subìto due interventi duri e nonostante il problema al ginocchio è rimasto in campo finché ce l’ha fatta: questo dimostra che tutti sono motivati e attaccati al senso di appartenenza, che è molto importante per raggiunge il nostro obiettivo“.

“Alla gara di Ferrara non pensiamoci più, una gara nell’arco di un campionato può capitare a tutti di sbagliarla. Quel che mi preme più è parlare di aspetti positivi, non dimentichiamo che nell’ultima gara eravamo 13 di movimento, stasera ne avevamo qualcuno in più perché qualcuno è voluto venire e non era in condizione per giocare dall’inizio, penso a Barillà, Gagliolo e Cornelius che ha fatto un solo allenamento. I ragazzi stanno facendo il massimo dal punto di vista delle prestazioni. Dobbiamo pensare anche al fatto che con un pizzico di malizia in più avremmo potuto portare a casa un risultato diverso, sia per quanto riguarda stasera ma anche in quella in casa contro il Verona”.

“Prevale la rabbia per non aver portato a casa i tre punti. Bisogna analizzare il fatto che la squadra è tra le prime 6 che ha fatto più chilometri fino ad ora per quantità di corsa: dove ci sono giocatori non al 100%, nell’arco di 95 minuti può pesare sugli equilibri non averne a disposizione per fare cambi; non tanto per stasera dove avevo un certo numero di giocatori, ma conta il fatto di aver fatto giocare sempre gli stessi in tre partite intense contro Inter, Verona che fa della corsa e dell’intensità la sua arma migliore e Fiorentina che è una squadra molto tecnica che non regala punti di riferimento e ti fa quindi consumare energie. Devo dire che chiudiamo il trittico in maniera positiva ma vogliamo migliorarci, con un pizzico di cattiveria stasera potevamo portare a casa il risultato pieno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy