Parma, D’Aversa: “Contro la Roma per fare risultato e chiudere uno straordinario 2018”

Il tecnico della squadra ducale ha presentato la sfida con la Roma

di Redazione ITASportPress
D'Aversa

Alla vigilia del match di domani alle 15 contro la Roma al Tardini, per l’ultima d’andata del campionato di Serie A Tim 2018/19 contro la Roma, il tecnico del Parma Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio. Ecco le sue parole:

ROMA – “I giallorossi vengono da una gara importante dove hanno ritrovato stima, hanno alternato diverse prestazioni e risultati finora. Ultimamente spingono molto con i terzini come Kolarov e Florenzi e con gli esterni che si accentrano; è una squadra che va limitata, noi dovremo essere bravi a lavorare in maniera compatta e umile: vediamo anche chi sarà il loro terminale offensivo, Schick attacca di più la profondità ad esempio. Lì dove scendiamo in campo per fare la partita ai loro ritmi andiamo in difficoltà, dovremo metterla su ritmi alti, su intensità, su voglia di vincere i duelli e cercare sfruttare al massimo le opportunità che ci potranno capitare. Eusebio Di Francesco lo stimo molto come tecnico ma anche come uomo, si è costruito tutto partendo dalla Lega Pro con il Pescara e ha dimostrato di essere uno dei migliori allenatori italiani anche quest’anno: con tanti cambiamenti dal mercato ci vuole tempo perchè squadra trovi i meccanismi, detto questo sono in corsa per l’obiettivo di tornare in Champions e insieme alla Juve è l’unica squadra che ha passato il turno quest’anno”.

“L’aspetto psicologico? La Roma arriva in un momento positivo mentalmente. Nel calcio la frase “non abbiamo nulla da perdere” non mi piace perchè significherebbe già scendere in campo limitandoci: noi veniamo da un risultato pieno e i ragazzi fino ad oggi hanno fatto un qualcosa di straordinario in tutto il 2018, affrontiamo una squadra forte ma nella vita si devono avere degli stimoli, ognuno di noi ha quell’orgoglio di misurarsi con quelli più bravi, la volontà è quella di finire l’anno nel migliore dei modi”.

“Se analizziamo la loro fisicità e la loro altezza sembra di affrontare una squadra di basket, dovremo essere bravi a limitarli anche sulle palle inattive, vista la struttura dei singoli giocatori. I loro giovani? Zaniolo pur essendo giovane è molto forte e può fare la differenza, se in rosa quando hai tanti giovani può capitare che non ci sia sempre continuità, ma la Roma è una squadra molto forte per potenzialità“.

“Bastoni e Zaniolo sono due prospetti importanti, quest’ultimo ha esordito anche in Champions, pur essendo giovane è un giocatore di spessore, ma lo può diventare anche Bastoni. Iacoponi? Agli occhi dei più piccoli è una soddisfazione per chi vive di sogni: nella vita nulla è impossibile, lo abbiamo preso l’anno della Lega Pro e quest’anno vedere che sta dimostrando di giocare tranquillamente in questa categoria per me è un orgoglio, abbiamo scelto bene come calciatore e come uomo. Posso garantirvi che per tutto il gruppo mi ritengo molto fortunato: alleno una squadra di grandi uomini“.

RAZZISMO – “La questione razzismo? Non è semplice giudicare, vedendo la partita in diretta non si era capito quello che succedeva, dal campo sono emerse sensazioni totalmente differenti. Penso ci sia un problema di cultura in Italia, siamo ancora indietro rispetto a un Paese come l’Inghilterra: il calcio deve essere un evento sportivo, non un occasione per qualche stupido che va allo stadio per sfogarsi, senza ovviamente generalizzare, ma non è solo un problema di curva, servono leggi per punire fenomeni che spesso si verificano come il razzismo ma anche il semplice offendere un allenatore della tribuna. Spero che il cambiamento avvenga il prima possibile, quel che dobbiamo fare noi è comportarci in maniera adeguata”.

2018 – “I numeri dicono che abbiamo fatto meglio fuori casa, nelle ultime due in casa non siamo stati tanto precisi avremmo avuto dei punti in più. Certo 25 punti fatti finora vanno bene, ma l’aspetto della precisione dobbiamo cercare di migliorarlo. Se si pensa a tutto quello che abbiamo passato quest’estate e a come hanno operato la società e il direttore sportivo, ad oggi il giudizio del nostro anno è un dieci e lode. Chiaramente non dobbiamo sentirci appagati e domani dobbiamo scendere in campo per portare a casa il risultato e chiudere nel migliore dei modi un anno straordinario”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy