Reina, Procura federale chiede tre mesi di squalifica per rapporti con la camorra

Reina, Procura federale chiede tre mesi di squalifica per rapporti con la camorra

Richieste ammende per i club e per gli altri deferiti, quattro mesi di squalifica richiesti per il team manager del Napoli De Grandis

di Redazione ITASportPress
Non è iniziata bene l’avventura al Milan per il portiere Pep Reina. La Procura federale, per i rapporti con la camorra ha richiesto per il portiere tre mesi di squalifica, dieci mesi per Paolo Cannavaro, quattro per Salvatore Aronica. Lo riporta Gazzetta.it. Ma le sentenze potrebbero essere più miti. Questo quanto trapela dal Tribunale di via Campania, dove si è svolta l’udienza del processo sportivo agli ex giocatori del Napoli, accusati di aver intrattenuto rapporti e scambiato favori con tifosi legati alla criminalità organizzata, come emerso da un’indagine penale della Direzione distrettuale antimafia di Napoli (in cui comunque non risultano indagati). A Cannavaro, oggi in Cina con il fratello Fabio, i procuratori contestano due particolari circostanze: un’intercettazione in cui due pregiudicati raccontano di usare la sua carta di credito e la cessione di due biglietti per lo stadio. A Reina, oggi tesserato per il Milan, frequentazioni e facilitazioni considerate equivoche. Richieste ammende per i club e per gli altri deferiti, quattro mesi di squalifica richiesti per il team manager del Napoli De Grandis. L’impressione è che il Tribunale federale potrebbe emettere sentenze più miti.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy