ROMA, Spalletti: “Abbiamo concesso poco ma osato anche poco. Dobbiamo fare di più”

ROMA, Spalletti: “Abbiamo concesso poco ma osato anche poco. Dobbiamo fare di più”

Le parole del tecnico giallorosso: “Abbiamo bisogno di un difensore centrale e due giocatori davanti che hanno la qualità di saltare l’uomo e creare azioni importanti”

di Antonino Lo Re, @AntoninoLoRe

La Roma non riesce a ripartire, allo Juventus Stadium arriva una sconfitta. L’allenatore dei capitolini, Luciano Spalletti, rilascia le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport“Noi abbiamo fatto una partita buona sotto l’aspetto dell’ordine, abbiamo concesso poco ma abbiamo osato anche poco. Dobbiamo fare di più e contro questi avversari diventa difficile vincere così. Dobbiamo essere più bravi a fare squadra corta, il morale non aiuta e le gambe non rispondono, dobbiamo fare di più in tutte le cose”.

L’aspetto psicologico conta molto?
“L’aspetto psicologico diventa fondamentale in questo ambiente, l’entusiasmo è ciò che fa la differenza, hai l’appoggio del tifoso e quando c’è il momento negativo cali ancora di più. Noi dobbiamo fare qualcosa di più, la differenza è stata evidente con loro, dobbiamo mettere più spinta nei duelli, c’è qualcosa fatto nella maniera corretta ma è poco. Dobbiamo aumentare ritmo, coraggio e autostima”.

Si guarda alla classifica e si pensa alla Champions?
“Si pensa solo alla classifica, io voglio ritrovare il morale della squadra e la condizione mentale per vincere le partite altrimenti è inutili fare altri discorsi. E’ iniziato un lavoro che durerà cinque mesi e qualsiasi risultato non cambierà l’impegno che dovremo mettere in questi cinque mesi”.

E’ stato contattato da un club cinese prima di andare alla Roma?
“Qualche avvisaglia era partita, e ho dovuto rispondere a qualche messaggio”.

Alla Roma servono un altro esterno e un difensore centrale?
“Sì abbiamo bisogno di un difensore centrale e due giocatori davanti che hanno la qualità di saltare l’uomo e creare azioni importanti. Perotti? Ha qualità ma non è il solo, c’è ne sono altri e bisogna far lavorare il nostro direttore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy