ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Riconoscenza

Rummenigge: “All’Inter mi sono formato come giocatore e persona”

(Getty Images)

Dopo Falcao, Ronaldo, Maradona, Batistuta, Van Basten, Platini, Gullit, Zanetti e Boniek, il premio come miglior calciatore straniero è stato assegnato all’ex campione tedesco

Redazione ITASportPress

“E' con grande piacere che ringrazio la FIGC per avermi inserito nella Hall of Fame del calcio italiano, un riconoscimento che significa molto per me. Ho ricordi meravigliosi del mio tempo all'Inter, che mi ha formato molto come giocatore ma anche come persona”: a parlare è Karl-Heinz Rummenigge, l’ex calciatore tedesco considerato il miglior attaccante del mondo nella prima metà degli anni ottanta, vincitore di due Palloni d’Oro con la maglia del Bayern Monaco.

Dopo Falcao, Ronaldo, Maradona, Batistuta, Van Basten, Platini, Gullit, Zanetti e Boniek, anche Rummenigge entra a far parte delle stelle della Hall of Fame del calcio italiano. L’ex nerazzurro ha lasciato il segno con i suoi gol in Italia quando vestiva la maglia dell’Inter. “La mia famiglia ed io – prosegue Rummenigge - ci siamo sempre sentiti a nostro agio e siamo sempre legati al club e alle persone coinvolte. L'Italia sarà sempre nel mio cuore”.

Proprio ieri si è riunita la commissione aggiudicatrice della FIGC per l’assegnazione dei Premi per la decima edizione della Hall of Fame del Calcio Italiano, il riconoscimento istituito nel 2011 da Fondazione Museo del Calcio e FIGC per celebrare i giocatori che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del calcio italiano. Evento che lo scorso anno non si è tenuto a causa della pandemia. A Rummenigge è stato assegnato il premio come miglior calciatore straniero riservato a coloro che si siano ritirati da almeno due stagioni e che abbiano giocato in Italia almeno per tre campionati.

La commissione era composta dal Presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana, Gianfranco Coppola, e dai direttori delle testate giornalistiche sportive nazionali, nelle persone di Federico Ferri, Direttore Sky Sport, Xavier Jacobelli, Direttore di Tuttosport, Stefano Barigelli, Direttore de la Gazzetta dello Sport, Alberto Brandi, Condirettore Sport TGCom 24, Ivan Zazzaroni, Direttore de Il Corriere dello Sport e del Guerin Sportivo, Piercarlo Presutti, Responsabile di Sport ANSA, Alessandra De Stefano, Direttore Rai Sport, oltre a Matteo Marani in qualità di Presidente della Fondazione Museo del Calcio della FIGC.

Alla presenza del Presidente federale Gabriele Gravina e del Segretario Generale Marco Brunelli, la commissione aggiudicatrice ha decretato i nuovi membri che entreranno a far parte della Hall of Fame del Calcio Italiano: Alessandro Nesta (Calciatore Italiano), Karl-Heinz Rummenigge (Calciatore Straniero), Antonio Conte (Allenatore), Gianluca Rocchi (Arbitro Italiano), Antonio Cabrini (Veterano Italiano), Barbara Bonansea (Calciatrice Italiana), Giovanni Sartori (Dirigente Italiano), Simon Kjær, che si aggiudica il premio intitolato a Davide Astori, Luigi Simoni, Armando Picchi, Romano Fogli, Fino Fini, Vujadin Boskov, a cui sono stati assegnati i Premi alla Memoria.

L’elenco completo dei vincitori delle passate edizioni è consultabile sul sito www.figc.it nella sezione Federazione (Eventi e Progetti)

tutte le notizie di