Sampdoria, Colley: “Voglio diventare come Koulibaly”. E poi lancia l’allarme: “C’è razzismo nello sport”

Sampdoria, Colley: “Voglio diventare come Koulibaly”. E poi lancia l’allarme: “C’è razzismo nello sport”

Il difensore gambiano ha parlato a Tuttosport

di Redazione ITASportPress
Colley

Si appresta a vivere la sua seconda stagione con la maglia della Sampdoria, Omar Colley. Il difensore gambiano, attraverso le colonne di Tuttosport, ha parlato delle sue ambizioni in vista del nuovo campionato, commentando anche il fenomeno del razzismo nello sport.

ASPETTATIVE – “La prima stagione in Italia mi è servita per ambientarmi: ho imparato molte cose sul calcio italiano, sul modo di giocare e sulla tattica. Ora mi aspetto che questo sia per me un anno di ulteriore crescita”.

GIAMPAOLO – “Per me è stato un allenatore molto importante, mi ha fatto crescere molto. Devo ringraziarlo per gli insegnamenti che mi ha dato”.

DI FRANCESCO – “E’ anche lui un ottimo tecnico: con lui noi difensori veniamo maggiormente coinvolti nella fase offensiva”.

KOULIBALY – “Kalidou lo conosco bene, siamo amici:  mi ha dato dei consigli su come affrontare il campionato italiano. E’ un grande giocatore e un giorno mi piacerebbe diventare come lui”.

RAZZISMO – “Il razzismo, putroppo, è presente nello sport”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy