Sampdoria, Giampaolo: “In campo per vincere. Derby deve essere divertimento responsabile”

Sampdoria, Giampaolo: “In campo per vincere. Derby deve essere divertimento responsabile”

“Farei qualunque cosa per vincere questa partita”

di Redazione ITASportPress

Aria di derby in quel di Genova, dove Sampdoria e Genova si sfideranno a Marassi domenica pomeriggio alle 15,00. A presentare la sfida che vale ben  oltre i tre punti, Marco Giampaolo, allenatore blucerchiato. Il tecnico ha parlato in conferenza stampa ai media presenti. Ecco le sue parole:

MATCH – “Tutti i derby di Genova sono belli ed emozionati: protagonisti sono i calciatori, ma personalmente mi ritengo un privilegiato per poter vivere questa gara. Il filo conduttore dal mio primo derby a quello che affronteremo domani? Siamo sempre scesi in campo per vincere, mai sparagnini: è una gara impronosticabile, ma da vivere con cura e giusto atteggiamento mentale. Giocare il derby deve essere una gioia, un divertimento responsabile“. “Dalla panchina non è facile gestire l’emozione di un derby: è difficile essere logici e razionali, le partite – soprattutto questa – sfugge alla razionalità. Lo spettacolo non riesco a godermelo perché sono in trans agonistica, pur rimanendo sul pezzo. Domani il piatto è ricco e la posta è alta per entrambe. Il derby pesa per quello che vale ma anche per stare attaccati al nostro obiettivo che attualmente ci vede attardati ma possiamo rientrare in cosa”.

GENOA – “Non so che avversario aspettarmi: ho sentito che possono giocare sia con quattro che con tre difensori, ma in campo non scende il sistema di gioco, bensì la qualità dei giocatori e il giusto atteggiamento. L’affetto che i tifosi testimonieranno anche questa sera davanti al nostro albergo è importante, soprattutto per chi il derby non lo ha mai giocato o ne ha giocato pochi. Chi toglierei all’avversario? Nessuno, perché io amo i calciatori che alleno e me li tengo stretti”. E su Prandelli: “Dieci anni fa ci affrontammo con Prandelli in un paio di derby toscani tra Siena e Fiorentina: i viola erano molto forti. Lui è un allenatore che stimo che ho anche studiato e che ritengo molto competente”.

SQUADRA – Sulle condizioni fisiche dei suoi giocatori: “Sono tutti recuperati, tranne Barreto che spero possa ricominciare la prossima settimana ad allenarsi con la squadra ma verrà in ritiro per stare vicino ai compagni. Ekdal è un calciatore di esperienza, ha avuto dei problemi ma Viera ha fatto bene e secondo me non l’ha fatto rimpiangere, fornendo prestazioni di livello”. Infine, una battuta: “I derby non sono facili ed è fuori discussione che mi farebbe molto piacere essere il primo a non perderne sei di fila, ma ripeto non è facile. Se rinuncerei ad una scatola di sigari per una vittoria nel derby? Assolutamente si, farei qualunque cosa per vincere questa partita“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy