Sassuolo, De Zerbi: “In campo per fare la partita, non speculiamo sugli avversari”

Sassuolo, De Zerbi: “In campo per fare la partita, non speculiamo sugli avversari”

Il tecnico dei neroverdi ha parlato alla vigilia della gara con l’Atalanta

di Redazione ITASportPress

Dopo l’amara sconfitta subita in pieno recupero a Parma, il Sassuolo tornerà in campo domani alle 20.45 ospitando l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, reduce dalla bella vittoria in casa della Roma. Queste le parole del tecnico dei neroverdi Roberto De Zerbi nella conferenza stampa della vigilia.

GARA – “Sia noi che l’Atalanta siamo due squadre che cercano sempre di fare la partita. Loro sono una delle formazioni più difficili da affrontare ormai da anni. Noi vogliamo però ripetere la prestazione fatta con la Spal”.

PRECEDENTI – “Il 2-6 subito lo scorso anno arrivò in un periodo particolare, era la terza gara in sette giorni, come sarà domani. L’Atalanta ha vinto qua come in molti altri stadi, anche contro squadre importanti”.

ATALANTA – “La sfida che li attende in Champions non so se potrà influenzare le loro scelte, ma sicuramente non l’approccio. Loro spingono sempre al massimo, non hanno mezze misure: proprio questa è la loro forza, non fare troppi calcoli”.

ATTEGGGIAMENTO – “A noi non piace stare rintanati nella propria metà campo, non è da squadra che vuole migliorarsi. Dobbiamo ancora migliorare, ma non cambiamo idea due o tre partite vanno male”.

PARMA – “La gara di Parma è stata fatta male sotto tutti i punti di vista. Noi siamo andati là per fare la partita, loro sono entrati in campo sapendo di non doverla fare. Abbiamo avuto delle difficoltà per delle scelte sbagliate, ma il mio Sassuolo non va a Parma per speculare  cercare di rubacchiare l’episodio”.

DUNCAN – “Dnncan veniva da quaranta giorni di infortunio, lasciarlo in panchina con il Parma è stata una scelta obbligata, in quanto va spesso incontro a problemi muscolari. Lo stesso vale per Defrel e Peluso”.

CARATTERE – “Il calcio è fatto da una parte di tattica, dall’altra di cuore, di sangue, di palle e di cattiveria. Quello che mi preme è avere furbizia, cattiveria e sangue agli occhi: questo ci completa”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy