Sassuolo, De Zerbi: “Su Raspadori c’era rigore! Irrati non mi piace come arbitro, come non mi piacciono…”

Il commento del tecnico neroverde

di Redazione ITASportPress

È un Roberto De Zerbi furioso quello che si è presentato di fronte ai microfoni di Dazn al termine della partita tra Inter e Sassuolo. Queste le sue parole, riportate da canalesassuolo.it:

Per me su Raspadori era rigore. Lui ha tentato di non cadere. Irrati non mi piace come arbitro, come non mi piacciono alcuni giocatori, al di là dell’episodio di Raspadori. Abbiamo preso il secondo gol su un fallo da rigore, non era un contropiede reale. Siamo questi noi. Non è vergogna prendere gol in contropiede quando fai la partita. Di fronte avevamo l’Inter. Subire il contropiede significa che noi comunque eravamo di là, con la nostra idea“.

Nel primo tempo abbiamo tirato troppo poco in porta. Nel bilancio finale lo abbiamo fatto 15 volte. L’Inter solo 7. Abbiamo avuto più occasioni di loro. Ci manca qualche tiro in porta in più per la mole di gioco che facciamo. La mia squadra quando arriva a una certa altezza è preoccupata di far gol ma anche di non prendere contropiede. Alla fine ci siamo messi a 3 in difesa, come con la Roma. Abbiamo messo un giocatore offensivo in più e alzato Kyriakopoulos. L’Inter è chiusa col 5-3-2, è stato difficile. Secondo me abbiamo calciato in porta tanto“.

Traorè è un talento. Davanti ha avuto Djuricic, Boga, Berardi, Defrel… ha trovato poco spazio ma siamo consapevoli delle sue qualità. Sta mettendo qualcosa in più. Se lo fa con continuità può diventare un giocatore di altissimo livelloRaspadori batte i piazzati sia di destro che di sinistro. Neanche lui sa qual è il suo piede migliori. Abbiamo finito la partita oggi con due 2000 e due 2002. La politica del club è questa, al di là delle assenze“.

De Zerbi
De Zerbi, getty images
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy