Sassuolo, poker al Lecce e nono posto: Liverani si arrende nel finale

I salentini restano in zona retrocessione

di Redazione ITASportPress
Sassuolo

Non decolla il Lecce di Liverani. I giallorossi incappano in una nuova sconfitta, stavolta sul campo del Sassuolo, che non fa sconti, pur potendo contare su una situazione meno disperata dei rivali terzultimi. I neroverdi si impongono per 4-2 e mettono ormai al sicuro la permanenza in Serie A, prendendosi provvisoriamente il nono posto. I salentini, invece, devono preoccuparsi: gli eventuali successi delle genovesi rischierebbero di inguaiarli ulteriormente.

Francesco Caputo, Sassuolo (Getty Images)

LA GARA

L’approccio aggressivo richiesto da De Zerbi ai suoi uomini dà subito i suoi frutti. Al 5′ i neroverdi sono già in vantaggio: Caputo sfrutta perfettamente un lancio in profondità di Locatelli, si infila in area di rigore e batte Gabriel. Il Lecce fatica a scuotersi e Ferrari manca di poco l’appuntamento col raddoppio, complice anche la risposta del portiere salentino. Al 27′ i giallorossi si affacciano dalle parti di Consigli per la prima volta e lasciano il segno con Lucioni, che sfrutta l’assist di Calderoni e trova il pari da due passi. Nella ripresa la partita continua a regalare emozioni. Prima è il Sassuolo a trovare il nuovo vantaggio dagli undici metri con Berardi; poi arriva il pari di Mancosu, che, appena entrato, sigla il 2-2 sempre dal dischetto. Nel finale, però, i salentini crollano. Al 78′ Boga trova lo spazio giusto per ribattere in gol dopo un batti e ribatti nell’area di rigore. Cinque minuti dopo tocca a Muldur siglare il poker con un preciso diagonale nell’angolo destro di Gabriel. Finisce 4-2. Il Sassuolo vede il nono posto, il Lecce gli spettri della retrocessione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy