Savicevic: “Serie A? Mentalità da cambiare, troppi stranieri. Su Ünder…”

“Non si può sempre vincere giocando bene o attraverso gli schemi. In Italia nei settori giovanili gli allenatori non danno abbastanza spazio a giocatori di questo tipo ed è un problema”

di Redazione ITASportPress

Dejan Savicevic, ex giocatore del Milan e presidente della federazione del Montenegro, ha parlato ai microfoni di Tele Radio Stereo, dei problemi del calcio italiano e di Cengiz Ünder, talento in forza alla Roma: “Negli ultimi anni molti giocatori forti se ne sono andati. Per questo il campionato italiano non è più ai livelli di quando giocavo io. Adesso la Premier è il campionato migliore. Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali bisognerebbe cambiare qualcosa anche nella mentalità del calcio italiano, a partire dal settore giovanile. Prima l’Italia era un Paese in cui nascevano grandi portieri e tanti difensori, ora sono tutti stranieri e credo si dovrebbe lavorare diversamente su questo aspetto. Non si può sempre vincere giocando bene o attraverso gli schemi. In Italia nei settori giovanili gli allenatori non danno abbastanza spazio a giocatori di questo tipo ed è un problema”.

ÜNDER – “Credo che la Roma avrebbe potuto fare qualcosa in più in questi ultimi anni, ma in Italia non è facile. Adesso è arrivato Monchi e ha subito azzeccato l’acquisto di Ünder che mi sembra una grande promessa. Sta giocando bene e ha fatto gol importanti in queste settimane. In Italia è difficile vincere in questo momento perché la Juventus è un passo avanti, ha comprato bene con Pjanic e Higuain e ha venduto bene ad esempio con Pogba. Per fare una squadra bisogna avere fortuna e fare un buon mercato e la Juve ha fatto molto bene queste cose negli ultimi anni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy