Serie A, colpacci di Udinese e Verona con Genoa e Brescia. Pari in Lecce-Sassuolo

Serie A, colpacci di Udinese e Verona con Genoa e Brescia. Pari in Lecce-Sassuolo

Episodio di razzismo al Bentegodi con Balotelli protagonista

di Redazione ITASportPress

Vittorie importantissime per Udinese e Verona contro Genoa e Brescia in chiave salvezza nel pomeriggio di Serie A. Pareggio, invece fra Lecce e Sassuolo al Via del Mare.

GENOA-UDINESE 1-3
Vantaggio del Genoa di Thiago Motta al minuto 22 grazie all’ottima tecnica degli attaccanti Kouamé e Pandev: uno-due splendido e prolungato, destro del macedone e gol rossoblù. L’Udinese, in piena crisi, riesce a rimontare con grande veemenza: l’1-1 arriva al 32′ con il poderoso destro di Rodrigo De Paul; verso l’intervallo sfiora la prima rete in bianconero Nestorovski, che di destro mette fuori di un soffio. Al 56′ missile di Kouamé da posizione defilata, grande parata di Musso, poi i friulani si mostrano più freschi nel finale e fanno sia il 2-1 che il 3-1 a Marassi: prima Sema di mancino fa il primo gol in A, poi il tris a tempo scaduto con il contropiede di Lasagna, bravo a battere Radu tutto solo davanti a lui. Fischi per il Genoa, fermo a  8 punti, mentre l’Udinese del mister ad interim Gotti sale a quota 13.

VERONA-BRESCIA 2-1
Al quarto d’ora tripla occasione per le Rondinelle: Rrhamani salva sulla linea su Bisoli, poi botta di Balotelli respinta da un difensore e azione finita col tiro alto di Tonali. Super Mario colpisce un palo incredibile al 26′ su calcio di punizione, al 31′ Mangraviti viene espulso per fallo da ultimo uomo su Salcedo, ma rigore e rosso vengono annullati grazie all’intervento del Var, che vede l’intervento sul pallone del giovane difensore delle Rondinelle. A inizio ripresa si sblocca il match: calcio d’angolo per l’Hellas, stacca Salcedo e segna il primo gol in A della sua carriera (forse l’ultimo tocco è di Martella). Caso vergognoso al 54′: cori razzisti per Balotelli, che lancia palla sugli spalti e minaccia di abbandonare il campo. Gioco fermo per molti minuti, al 67′ lo stesso ex attaccante di Nizza e Marsiglia impegna Silvestri da punizione, ma al minuto 81 doccia fredda per i biancoblù: Pessina di destra indovina l’angolino alla sinistra di Joronen e fa 2-1. La riapre Balotelli con un destro strepitoso sotto al sette, ma non basta: il Verona vince ancora, sale all’ottavo posto alla pari della Fiorentina, che però deve ancora giocare. Corini rischia la panchina per il quinto k.o. delle ultime sei partite.

LECCE-SASSUOLO 2-2
Partita combattuta al Via del Mare, padroni di casa in vantaggio nella prima parte dei primi 45′ con un altro gol di Gianluca Lapadula, ma al 35′ arriva il pareggio da parte di Toljan. Ci pensa Falco a segnare il primo gol della sua carriera in A con una bellissima punizione, lui che era entrato al quarto d’ora al posto di Babacar, ritenuto infortunato ma che in realtà non aveva alcun problema (si sono capiti male lui e mister Liverani). Nel finale, a cinque dal novantesimo, il solito Domenico Berardi evita ai neroverdi la sconfitta: entrambe sono a 10 punti in classifica, ma i ragazzi di De Zerbi hanno un match da recuperare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy