ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Serie A femminile

Serie A donne, clamoroso: dopo 54 partite cade la Juventus battuta dall’Empoli

(Getty Images)

Le bianconere interrompono la striscia di imbattibilità dopo 54 gare, Andressa e Giugliano firmano il 2-0 sulle nerazzurre, giallorosse seconde

Redazione ITASportPress

La Juventus perde con l’Empoli, la Roma vince con l’Inter, e al termine della 15ª giornata di Serie A TimVision cambiano gli equilibri nella parte alta della classifica. Dopo lo 0-0 nell’anticipo del sabato tra Sassuolo e Milan, che ha impedito a neroverdi e rossonere di accorciare le distanze dal primo posto occupato dalla Vecchia Signora, arriva a sorpresa proprio il primo ko nel torneo in corso per le bianconere di Montemurro, che tornano da Empoli sconfitte 2-1. Tra le inseguitrici ne approfitta solo la Roma, che batte 2-0 l’Inter e si porta a tre punti dalla vetta, con lo scontro diretto in programma nel prossimo weekend.

Allo stadio “Petroio”, nel match andato in scena all’ora di pranzo, partono forti le padrone di casa, che al 9’ sbloccano il punteggio: Monterubbiano riceve da Dompig, si fa largo dal limite tra la retroguardia avversaria, entra in area e trova l’angolino vincente alle spalle di Peyraud-Magnin. Le toscane insistono e dopo aver sfiorato il 2-0 con Dompig – conclusione centrale – al 15’ raddoppiano: cross di un’incontenibile Dompig (MVP della gara secondo i dati Opta) e colpo di testa vincente di Prugna. La squadra di Montemurro prova a mettere ordine e a reagire al doppio svantaggio, ma le undici di Ulderici sono attente in difesa e pericolose in contropiede. Al termine della prima frazione crescono le bianconere e Capelletti con due interventi puntuali nega la gioia del gol prima a Girelli e Grosso e poi a Hurtig. Nella ripresa il copione non cambia, anche se al 66’ l’1-2 di Sembrant viene negato solo dalla traversa. Cambiano invece gli equilibri con l’ingresso in campo di Boattin, che al minuto 77 va a bersaglio in scivolata sfruttando il passaggio vincente di Bonfantini. Decisivo il contributo del terzino bianconero, che a dieci dal 90’, conquista un calcio di rigore. Sull dischetto va Girelli, ma Capelletti para e ipoteca tre punti fondamentali per le toscane, soprattutto in chiave salvezza.

Tutt’altro obbiettivo invece, in particolare dopo il risultato maturato al “Tre Fontane”, quello a cui ora può ambire la Roma di Spugna, che vince contro l’Inter nel big match domenicale e si avvicina alle prime della classe. La gara in casa delle capitoline parte a ritmi alti e nelle prime battute sembrano quasi le nerazzurre a gestire il possesso; le padrone di casa però guadagnano metri col trascorrere dei minuti e il match si accende nel finale della prima frazione: al 38’ grande intervento di Durante sul tiro velenoso di Andressa; una manciata di secondi dopo, malinteso tra Di Guglielmo e Ceasar sul filtrante profondo di Karchouni e ecupero miracoloso del difensore giallorosso che riesce a evitare lo svantaggio. Svantaggio che al contrario si concretizza per le lombarde al 45’: Karchouni atterra Bartoli in area e l’arbitro concede il calcio di rigore. Andressa non sbaglia dal dischetto e porta avanti le compagne. Le ospiti accusano il colpo e anche a inizio ripresa faticano a contenere la manovra della Roma, che invece è in fiducia e al 48’, grazie a una prodezza da fuori area di Giugliano, raddoppia. Terzo sigillo nella competizione in corso per la centrocampista, che si guadagna il titolo di MVP del match secondo i dati Opta. Dopo il 2-0 la formazione di Guarino non reagisce e al 56’ rischia il tris con la conclusione di Serturini (palo pieno). Nemmeno i cambi risollevano le lombarde, che mancano di precisione nei passaggi e soprattutto nelle conclusioni (concluderanno la sfida con 0 tiri in porta). L’Inter tenta un assedio nel finale, ma la Roma resta compatta e al triplice fischio il risultato rimane invariato. Tre punti per le giallorosse, che ora sono seconde in solitaria a -3 dalla Juventus, prossima avversaria in campionato. Quarto ko per l'Inter invece nella Serie A TimVision 21/22, il primo dallo scorso ottobre con la Juventus.

Successo infine, per la Sampdoria di Cincotta sul campo del Pomigliano: nell’ultima gara domenicale, andata in scena in casa delle campane, le blucerchiate vincono di misura grazie al sigillo di Tarenzi al 32', che sfruttando il corner battuto da Rincon trova l'incornata vincente e il suo sesto sigillo in 14 presenze nel torneo 21/22 (appena uno in meno rispetto a quelli firmati nel campionato precedente). Le padrone di casa provano a reagire sfruttando le incursioni di Fusini, Banusic e Tudisco, che al 57' centra in pieno la traversa; ma tra le undici di Panico la più pericolosa è senza dubbio Banusic, che nei 90' effettua ben cinque conclusioni di cui due nello specchio. Nonostante i tentativi offensivi delle campane tuttavia, le ospiti riescono a difendere con ordine e a creare qualche occasione anche nella ripresa, raggiungendo - al triplice fischio - i tre punti e il 7° successo in 15 partite.

 

 (Getty Images)

Risultati dei posticipi della 15ª giornata di Serie A TimVision 2021-22

 

Empoli-Juventus 2-1

9’ Monterubbiano (E), 15’ Prugna (E), 77’ Boattin (J)

 

Roma-Inter 2-0

45’ rig. Andressa (R), 48’ Giugliano (R)

 

Pomigliano-Sampdoria 0-1

32’ Tarenzi (S)

 

Sassuolo-Milan 0-0

(giocata ieri)

 

Fiorentina-Lazio 2-2

(giocata ieri)

 

Napoli Femminile-Hellas Verona 2-1

(giocata ieri)

Programma della 16ª giornata di Serie A TimVision 2021-22

 

Sabato 5 e domenica 6 marzo

Sampdoria-Fiorentina

Hellas Verona-Empoli

Juventus-Roma

Lazio-Sassuolo

Inter-Pomigliano        

Milan-Napoli Femminile

tutte le notizie di