Serie A, in campo dominano gli stranieri

Le prime cinque classificate del nostro campionato hanno utilizzato più giocatori stranieri che italiani

di Redazione ITASportPress

Il campionato di Serie A si è appena concluso. Questo è il momento dei bilanci e uno dei dati che balza subito all’occhio è la presenza di pochissimi giocatori italiani in campo. La punta dell’iceberg è stata raggiunta nel match del 23 aprile scorso tra Inter e Udinese, dove sul terreno di gioco sono scesi solo calciatori stranieri. Secondo quanto riferisce uno studio de ‘Il Corriere della Sera’, al termine della stagione, la percentuale degli stranieri è nettamente superiore a quella degli atleti nati in Italia: il 58,26 per cento contro il 41, 74. Nelle sfide tra Udinese-Napoli e Udinese-Fiorentina, i giocatori italiani in campo dal 1′ erano solamente Insigne per i partenopei e Bernardeschi per i viola. Ma è da sottolineare che le prime cinque squadre del campionato hanno schierato più stranieri che calciatori made in Italy, con Napoli, Roma, Inter e Fiorentina che si sono affidate a meno del 20 per cento di italiani. L’unica società ad andare controcorrente è il Sassuolo. La percentuale di giocatori italiani utilizzati dalla squadra neroverde è del 79,09 per cento, seguono Frosinone (71,05 per cento) e Carpi (68,73 per cento).

13250314_10209509435556943_2009065742_n

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy